You are currently viewing Sicurezza all’interno del centro estetico

Sicurezza all’interno del centro estetico

Di Luca Pasquero

C’è centro estetico e centro estetico ma, in ogni caso, che si lavori con una singola cabina o si abbia un ampio spazio con diverse tecnologie, ci sono precise regole di sicurezza che devono essere sempre rispettate.

Alcuni recenti dati riportano che “il 13% degli italiani frequenta con costanza un centro estetico, mentre quasi 11 milioni di italiani spendono o si dichiarano pronti a spendere fino a 1.200 euro all’anno per prodotti e servizi per migliorare e proteggere l’aspetto fisico”. Va da sé, quindi, che debbano essere garantite le migliori misure di sicurezza per la salute e la sicurezza degli utenti e di chi opera all’interno delle strutture.

Fondamentale per la sicurezza degli operatori del centro è la verifica del tipo di attività in relazione al sovraccarico biomeccanico, ovvero la sollecitazione più o meno continua del lavoro sugli arti superiori ed inferiori. Si tratta di un rischio spesso sottovalutato e che dipende in buona parte dall’organizzazione del lavoro e dal tipo di postura dell’operatore durante l’attività. La posizione di schiena, gambe e le manovre ripetitive delle braccia possono provocare sciatalgie e lombalgie fastidiose, oltre a sviluppare problemi muscolari, tendinei e nervosi; per questo è raccomandata la scelta di lettini e sgabelli regolabili in altezza, che devono essere posizionati in ambienti in cui sia semplice lo spostarsi da una parte all’altra (le cabine devono avere una superficie di almeno 6 mq per un lettino e prevedere un lavandino con comando manuale e una doccia nei box, dove si effettuano trattamenti con fanghi e massaggi). Meglio preferire i lettini con rotelle e freni che possono essere agevolmente spostati.

Leggi anche l’articolo Primo soccorso di Luca Paquero

Leggi anche l’articolo di Luca Paquero La gestione delle emergenze

Stesso discorso vale per le attività di onicotecnica, manicure e pedicure per le quali, oltre ad un tavolo di dimensioni adeguate provvisto di cappa aspirante o ad aspirazione integrata, è importante poter disporre di una poltrona regolabile con rotelle, che permetta un buon sostegno della zona lombosacrale. Nel centro estetico particolare attenzione va posta all’uso di agenti chimici e all’esposizione agli agenti biologici. Ottimo sarebbe utilizzare sempre prodotti ipoallergenici e bisogna sempre areare gli ambienti (meglio se dopo ogni cliente). Durante le fasi di applicazione di lozioni, l’uso di solventi o coloranti, bisogna mantenere il viso alla maggiore distanza possibile dalle confezioni di prodotto. Quest’ultimo deve sempre riportare le avvertenze d’uso, mentre la scheda tecnica del produttore deve indicare i dati di sicurezza e cosa fare in caso di contatto / ingestione / inalazione. Una volta terminata l’applicazione, il prodotto deve essere chiuso ermeticamente e riposto in ambienti chiusi, sicuri, non umidi, e non accessibili al pubblico. Relativamente al rischio biologico, la possibilità per l’addetto di un centro estetico di venire in contatto con sangue, sudore o altro è molto comune. Per la massima sicurezza è importantissimo che gli addetti, oltre ad informarsi preventivamente sullo stato di salute dei clienti, utilizzino sempre guanti e strumenti monouso o accuratamente sterilizzati a ogni utilizzo. In realtà il consiglio di usare prodotti monouso vale un po’ per tutto: asciugamani, biancheria, ciabattine, che devono essere buttati dopo l’uso in idonei contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti.

Abbonati per continuare a leggere l’articolo

Leggi anche L’articolo La valutazione del rischio

I Nostri Esperti – leggi tutti gli articoli