Strategia detox

Strategia detox

Di Daniela Morgandi

Questo è il periodo dell’anno in cui la nostra mente e il nostro corpo sentono maggiormente la necessità di depurarsi in vista delle festività che ci attendono. Da tempo sto approfondendo gli studi su un vegetale a cui diamo pochissima importanza e del quale ancora si stanno scoprendo nuove proprietà: il sedano inteso come succo estratto.

Il sedano è una pianta erbacea il cui utilizzo è noto sin dall’antichità e il cui succo viene definito nella ricerca come un vero e proprio “alimento”. Ha una forte attività antinfiammatoria, utile non solo se soffriamo di patologie infiammatorie, ma anche e soprattutto quando eccediamo a tavola, poiché alcuni cibi e alcuni eccessi causano l’insorgenza della cosiddetta “low grade inflammation”, che apre le porte a guai anche seri qualora non vi si metta rimedio. Il succo puro e fresco di sedano ha delle altre proprietà uniche che non appartengono ad altri vegetali.

UNA FORMA DI SODIO UNICA

Il sodio contenuto nel succo di sedano è una forma di sodio vegetale indispensabile e riequilibrante per il nostro organismo. Il sodio presente nel succo di sedano è circondato da un gruppo di composti che formano, con il sodio stesso, un aggregato, quasi un “sistema” all’interno del quale si trovano anche degli oligoelementi: uno dei compiti del “sistema” è quello di neutralizzare le tossine presenti nel sangue e negli organi.

OLIGOELEMENTI PREZIOSI PER L’EFFICIENZA GASTRICA E IL METABOLISMO

Gli oligoelementi presenti nel “sistema” hanno la capacità di rigenerare il tessuto ghiandolare dello stomaco penetrando nelle cellule delle ghiandole stesse, apportando quindi nutrimento e nuova energia, affinché la funzione gastrica sia al massimo. Questo fattore è fondamentale non solo per il nostro benessere, ma anche per l’ottimale assimilazione dei nutrienti e per eliminare i batteri nocivi presenti nel tratto gastro intestinale.

ORMONI VEGETALI

Gli ormoni vegetali sono importantissimi, perché nutrono e rigenerano ogni singola ghiandola del sistema endocrino, come pancreas, ipotalamo, ipofisi, tiroide, ghiandole surrenali ed epifisi: i nostri ormoni sono il segreto per stare bene.

Leggi anche l’articolo Nutrizione strategica di Daniela Morgandi

ANTIOSSIDANTI

La funzione più importante degli antiossidanti presenti nel succo di sedano è quella di “ripulire” dagli accumuli di grasso i depositi di metalli pesanti, che spesso si trovano nel cervello e nel fegato. I grassi che si “attaccano” agli accumuli di metalli pesanti ne provocano l’ossidazione con produzione di tossine, che vengono assorbiti dal grasso stesso facendolo diventare carburante per diversi virus. Gli antiossidanti del succo di sedano impediscono l’ossidazione dei metalli pesanti, proprio rimuovendo i depositi di grasso. Inoltre, il “sistema” costituito dal sodio e altri composti, insieme agli antiossidanti, neutralizzano la potenza distruttiva dei metalli pesanti rendendoli meno offensivi per la nostra salute.

Leggi anche l’articolo Nutriamo e proteggiamo la nostra pelle… e non solo

VITAMINA C

La Vitamina C presente nel succo di sedano, benché non sia in quantità elevatissima, è estremamente efficace, poiché non necessita di un processo che avviene normalmente nel fegato per attivarla (la metilazione). Questo significa che tale forma di Vitamina C è estremamente efficace sul nostro sistema immunitario. È anche importante ricordare che normalmente, in presenza di cariche virali alte, la trasformazione della Vitamina C risulta difficile, ecco perché averne a disposizione di già attivata è importantissimo.

Leggi anche l’articolo Peso ideale: le cose che poche volte vengono dette di Daniela Morandi

ACQUA BIOATTIVA

L’acqua presente nel succo di sedano è diversa dall’acqua che troviamo comunemente in natura. Grazie alle nuove frontiere della fisica quantistica siamo in grado di valutare anche negli alimenti le caratteristiche che l’osservazione umana o la chimica non captano. L’acqua del succo di sedano è attiva sulle nostre cellule e ad essa è dovuto lo straordinario effetto drenante di questo alimento. Anche se in questo periodo ci concederemo qualche trasgressione in più, inseriamo nella nostra routine mattutina il succo di sedano.
Utilizzare sedano fresco (se possibile BIO) e riempire un bicchiere grande di succo estratto (con estrattore a bassi giri che non scaldi il succo) da bere puro, senza assolutamente diluirlo con acqua o altro. È un gesto semplicissimo ed economico, che riuscirà a fare davvero la differenza.

I nostri esperti – Leggi tutti gli articoli