You are currently viewing Fotoinvecchiamento, cos’è e come combatterlo

Fotoinvecchiamento, cos’è e come combatterlo

Conosciuto anche con il termine inglese photoaging, questo fenomeno porta a un invecchiamento cutaneo precoce. Vediamo da cosa è causato e come contrastarlo.

Perdita di tono e di elasticità della pelle, comparsa di rughe, macchie scure, capillari dilatati sulle guance, sulle orecchie e nella zona nasale, ispessimento e secchezza della pelle. Questi sono alcuni tra gli inestetismi causati dal fotoinvecchiamento e che, generalmente, interessano zone del corpo quali viso, collo, mani e décolleté. Noto anche con il nome inglese di photoaging, questo tipo di invecchiamento cutaneo è precoce ed è causato dall’esposizione eccessiva ai raggi ultravioletti, siano essi naturali o artificiali. Nello specifico, i raggi ultra- violetti provocano la formazione dei temuti radicali liberi, che portano a danni alle cellule del derma (fiibroblasti). Viene quindi alterata la produzione di Collagene, Elastina e Acido Ialuronico, con conseguenze sulla bellezza e sulla giovinezza della pelle.

Leggi anche l’articolo Questione di forme

PREVENZIONE

Nella lotta al photoaging, un ruolo molto importante è svolto dalla prevenzione, che si traduce in una limitazione all’esposizione solare – anche in città -soprattutto nelle ore in cui i raggi sono più forti. Alle clienti amanti della tintarella, è bene consigliare di proteggere le zone del corpo maggiormente esposte, come il viso, la testa e le mani e di utilizzare sempre cosmetici solari con il corretto SPF. Anche l’uso di lampade e lettini abbronzanti andrebbe limitato. Il suggerimento, inoltre, è quello di seguire uno stile di vita sano, improntato alla ricerca del benessere, con un’alimentazione ricca di verdura e frutta e di non fumare. Prevenire significa anche sottoporsi a trattamenti estetici mirati prima dell’esposizione solare, per preparare la pelle in maniera corretta.

Leggi anche l’articolo La manicure amica dell’ambiente

TRATTAMENTO

Nei mesi successivi all’esposizione solare, l’estetista sarà in grado di donare nuova idratazione e profondo nutrimento alla pelle, oltre che attenuare i segni che i raggi solari hanno lasciato sull’epidermide. Tra i protocolli più performanti per prevenire e contrastare gli inestetismi causati dal fotoinvecchiamento ci sono quelli che vedono l’uso di referenze formulate con molecole attive, che possono interferire con i radicali liberi, oltre alle vitamine, ad azione antiossidante. Tra queste ultime, la Vitamina A, C ed E. Nota anche con il nome di Retinolo, la Vitamina A favorisce il turnover epidermico, regalando morbidezza ed elasticità alla cute. Grazie al suo potere idratante, è utile per contrastare la secchezza della pelle e per rallentare la comparsa delle rughe, anche di quelle causate dal photoaging. Applicata sulla pelle tramite creme e sieri viso, la Vitamina C – conosciuta anche come Acido Ascorbico – è in grado di stimolare la produzione di Collagene e di Acido Ialuronico, apportando tonicità, luminosità e compattezza alla pelle. È sicuramente tra le migliori sostanze antinvecchiamento e svolge un’attività schiarente mirata, contribuendo a ridurre le macchie scure sulla pelle. Molto utile per contrastare l’invecchiamento cutaneo, grazie alla sua potente azione antiossidante, è la Vitamina E, che consente anche di idratare e lenire la pelle. Nota in cosmetica con il nome di Tocoferolo, questa vitamina svolge, inoltre, un’azione antinfiammatoria, rivelandosi un valido aiuto in caso di arrossamenti, eritemi e scottature dovute a una scorretta ed eccessiva esposizione solare. All’interno di formulazioni cosmetiche professionali, anche il coenzima Q10 consente di ridurre gli inestetismi causati dal fotoinvecchiamento; svolge, inoltre, un’azione preventiva per ciò che riguarda la disfunzione dei fibroblasti.