You are currently viewing Una spa in sicurezza qualità di benessere garantito

Una spa in sicurezza qualità di benessere garantito

Di Simone Ciolli

Oggi più che mai diventa fondamentale, se non prioritario, il fattore sicurezza, legato a precise regole igieniche, comportamentali e procedurali. Una sicurezza che, soprattutto in un ambito benessere, corrisponde a operare in un regime di totale qualità di prodotti, servizi e procedure.

Da sempre una SPA ha lo scopo di promuovere fondamentalmente la prevenzione salutistica dei propri ospiti, da quella fisica a quella mentale, emotiva, sociale e spirituale, con spazi adeguati dove fornire comfort, privacy, benessere e sicurezza ai propri clienti, oltre che in ambienti tranquilli e rilassanti, ma soprattutto sani, con impianti e attrezzature a prova di batteri e virus. In questo senso, consolidare il know how di tutti i professionisti del benessere verso competenze sempre più importanti e selettive (come, ad esempio, il controllo costante delle proprie attrezzature), attraverso regole, certificazioni e monitoraggi continui diventa oggi un aspetto ancora più importante fra i servizi qualitativi di una struttura benessere. Perciò, l’efficienza e la qualità professionale delle risorse umane (ossia del top management, l’anima strategica e organizzativa della SPA) diventa un altro riferimento fondamentale per l’elaborazione di tutte le rispettive procedure interne di qualità e sicurezza quali: l’organizzazione delle buone pratiche di igiene gestite da uno staff impeccabile, la sanificazione degli ambienti pre e post trattamento, la valutazione dei rischi di infortunio o malattia nel centro benessere, l’adozione di misure necessarie per ridurre al minimo i rischi di danni al personale e ai clienti, la garanzia di salute e sicurezza del personale e dei clienti oltre alla motivazione del proprio team, all’assegnazione di compiti e protocolli per ottimizzare il revenue della SPA, all’accoglienza del cliente, alla vendita dei prodotti, alla creazione di un sistema efficace per il feedback del cliente, alla gestione di eventuali reclami e così via.

Altro aspetto qualitativo di cui si tiene conto da sempre (ed oggi ancora di più) è sicuramente la politica ambientale della SPA: dall’efficienza energetica alla riduzione dei consumi, la struttura benessere può sviluppare notevoli azioni di miglioramento attraverso meccanismi (energie pulite e rinnovabili, attrezzature a basso consumo energetico, utilizzo di strutture ad alto isolamento termico, etc.) che possono ridurre i costi energetici anche del 50%. Questo aspetto ha una notevole importanza strategica che deve portare ad identificare un responsabile dello SPA management che si occupi fin da subito dei costi energetici (dalla costruzione o riprogettazione della SPA stessa fino a calcolarne i costi energetici futuri) per garantirne la prosperità o, nel peggiore dei casi, la totale ristrutturazione e riorganizzazione della stessa quando l’efficienza diventa economicamente insostenibile.

Leggi anche l’articolo L’energia naturale degli infrarossi

Perciò, partendo da regole che garantiscano la sicurezza di strutture benessere di tutte le tipologie (Hotel, Terme, Urban, Fitness, etc.) si arriva alla creazione di un “benessere certificato”, autentico e scientificamente supportato, in cui ogni professionista coinvolto ha l’obbiettivo salutistico principale di prevenzione primaria attraverso uno sviluppo di metodologie SPA complete e scientificamente funzionali, per fare in modo che la SPA diventi un luogo ancora più sicuro per i propri clienti, attraverso tecnologie, procedure e formazione specifici (con standard internazionali e sistemi rigorosi di controllo e certificazione).

Per continuare a leggere l’articolo Abbonati alla rivista

I Nostri Esperti – Leggi tutti gli articoli