Una new entry di lusso nel nostro settore

8 gennaio 2015

Pioniere e visionario, Massimo – Dr. Fernando Treppiccioni, direttore generale di Beauty Partner Enterprise, che dal 2006 rappresenta in Italia il noto brand americano PRIORI®, ha messo a segno un altro progetto importante, l’acquisizione della distribuzione del prestigioso marchio Elizabeth Arden PRO. Questo storico nome della cosmetica di lusso a livello mondiale, entra nel mercato dell’estetica professionale. Una notizia che fa bene al nostro settore, perché ne riconosce il valore e lo riporta a una posizione di primo piano nell’universo della bellezza.

Massimo – Dr. Fernando Treppiccioni Direttore Generale Beauty Partner Enterprise

Massimo – Dr. Fernando Treppiccioni
Direttore Generale
Beauty Partner Enterprise

Dopo Australia, Canada, Scandinavia, UK, tocca all’Italia il lancio di Elizabeth Arden PRO sul mercato dell’estetica professionale. Dr. Treppiccioni, cosa significa per Beauty Partner Enterprise la distribuzione di questo importante brand?

Sono ancora incredulo. È davvero una straordinaria notizia per la mia azienda e anche per il mercato professionale. Esser diventato distributore ufficiale in Italia di uno dei più importanti brand dell’universo dell’alta cosmesi significa davvero molto per la nostra società. Non è la prima volta che un marchio rivolto alla profumeria si affaccia al mondo professionale, ma è certamente la prima volta per un brand di livello internazionale come Elizabeth Arden, e il fatto che questo percorso lo vogliano intraprendere con noi, ci rende orgogliosi e sposta ancora più in alto l’asticella dei nostri obiettivi. Certo questo privilegio premia le nostre competenze, ma richiede, allo stesso tempo, di mettere in campo un grande impegno, come un brand di questo tipo esige.

Una marca storicamente legata al target consumer, che si muove anche verso il mercato dell’estetica professionale con prodotti cosmeceutici dedicati, un processo inverso a quello al quale siamo normalmente abituati ad assistere. Qual è stato il motivo di questa scelta da parte di Elizabeth Arden?

Joseph A. Lewis

Joseph A. Lewis

Tutto è cominciato con un incontro speciale, quello fra lo staff di ricerca di Elizabeth Arden e il Professor Joseph A. Lewis, presidente e Ceo del brand americano PRIORI®, che noi distribuiamo in esclusiva in Italia – una persona di grande spessore, un vero innovatore nell’ambito dell’antiaging, pioniere della cosmeceutica mondiale, colui che ha sviluppato e lanciato per primo l’acido glicolico (nel 1979 con Joe Di Nardo) e che ha sviluppato e introdotto centinaia di formulazioni basate sulla tecnologia AHA (Alfa Idrossi Acidi). Joe Lewis ha studiato per Elizabeth Arden esclusive formule, con ingredienti all’avanguardia, rispettose della biologia dell’epidermide, racchiuse nell’efficacissima gamma di prodotti cosmeceutici Elizabeth Arden PRO, che si prende cura della pelle in modo completo sia dentro che fuori dall’istituto di bellezza, perché “ogni donna ha il diritto di essere bella”, così come affermava la fondatrice della Maison. Immettersi nel mercato professionale è stata per Elizabeth Arden una decisione originale e nuova, ma il connubio con Joe Lewis assicura a questo prestigioso brand una posizione di sicuro vantaggio. Una new entry che farà sicuramente parlare e sarà certamente uno stimolo positivo per il nostro settore. La scelta di appoggiarsi nella distribuzione a Beauty Partner Enterprise conferma l’apprezzamento per il lavoro che abbiamo svolto con PRIORI® e ribadisce ulteriormente il riconoscimento a Joseph A. Lewis.

Ci sarà aria di competizione a fronte di questa partnership?

È innegabile che questa notizia sia di grande rilevanza per il nostro settore. Ma sono convinto che la competizione, quella sana e corretta, faccia solo bene, anzi sia fondamentale per creare opportunità, per innovare e proporre al mercato sempre qualcosa di nuovo.

Quali sono le linee di prodotto e i plus dei cosmeceutici Elizabeth Arden PRO?

I programmi Elizabeth Arden PRO sono organizzati in cinque semplici regimi di trattamento, progettati per trattare le cinque categorie principali dello skin care professionale: impurità, tono irregolare della pelle, anti-aging e prevenzione, idratazione e, infine, sensibilità. I nuovi percorsi di trattamento professionale sfidano i limiti del raggiungibile dello skin care attuale; sarà possibile scoprire soluzioni semplici che rivoluzioneranno e semplificheranno l’offerta di quei professionisti che faranno proprio il progetto. Ad arricchire la gamma di questi prodotti, adatti a tutti i tipi di pelle, ci sono efficaci trattamenti professionali sviluppati per migliorare, mantenere e ottimizzare i risultati del proprio percorso: in anteprima saranno presentate le nuove tecnologie di trattamento ”AHA Retinoid Conjugate”, un derivato della combinazione tra Vitamina A ed Alfa Idrossi Acidi, e l’ “Allyl PQQ”, il nuovo antiossidante mitocondriale.

Elizabeth Arden PRO si basa sulla filosofia Skin Health & Beauty Pyramid™, in cosa consiste?

La “Skin Health & Beaut y Pyramid™” è uno strumento teorico sintetico, su base scientifica, per la progettazione e lo studio della pelle, che si pone come guida d’avanguardia nella scelta dell’ottimale regime di trattamento (pubblicato ad aprile del 2014 nel “Journal of Drugs in Dermatology”). La gerarchia piramidale di tale guida presenta, nel livello di base, le tecnologie “fondamentali” per la protezione quotiwebmaster della pelle: la ricerca sfrenata dei risultati, infatti, mette spesso l’utente nella condizione di trascurare il vero aspetto importante, e cioè prevenzione, senza la quale il risultato stesso potrebbe essere rallentato. Il secondo livello della gerarchia piramidale prevede “ciò di cui la pelle ha bisogno” e si tratta delle tecnologie atte alla “trasformazione” ovvero idratazione, esfoliazione e ricambio cellulare, per contribuire a migliorare la condizione generale della pelle e la sua bellezza. L’ottimizzazione dei risultati ricopre invece l’apice della gerarchia piramidale: tra le tecnologie contenute in questo livello di trattamento ci sono gli “ingredienti del desiderio”, come i fattori di crescita e i Peptidi, che oggi ricoprono un ruolo decisivo, per far si che i quotidiani gesti di bellezza possano essere valorizzati al 100% .

Elizabeth Arden PRO significa anche cosmeceutici per il mantenimento domiciliare?

Sì, il prodotto domiciliare viene sempre considerato integrativo: proprio perché la pelle è trattata professionalmente, deve potersi “conservare” allo stesso modo, anche dopo il trattamento in cabina; inoltre risulta fondamentale anche una fase di allenamento e preparazione della pelle ai percorsi più attivi per lavorare ed agire sempre con la massima sicurezza e con l’obiettivo del raggiungimento del massimo dei risultati possibili.

Quali sono gli obiettivi che vi siete posti per il posizionamento di questo brand e dei prodot ti sul mercato italiano?

L’obiettivo principale è la distribuzione delle linee di prodotto soltanto all’interno di centri che abbiano figure professionali di alto livello, una filosofia che da anni sosteniamo con PRIORI®. Questa non è presunzione, ma una protezione nei confronti del marchio Elizabeth Arden. Ma c’è di più. Credo che sia controproducente anche per i centri estetici inserire un brand se manca la giusta preparazione per gestirlo, se non ci sono mani esperte alle quali affidarlo. Pertanto selezioneremo accuratamente i centri in base alla professionalità delle estetiste, e continueremo a seguirle e supportarle con grande costanza e attenzione. Il supporto, infatti, è per noi un valore molto importante, è la nostra peculiarità, noi non siamo un’azienda mordi e fuggi.

Per raggiungere questo obiettivo, al primo posto la formazione?

Assolutamente sì, non possiamo permetterci di non formare adeguatamente le professioniste a cui affidiamo il brand Elizabeth Arden PRO. Abbiamo bisogno di essere certi che le estetiste che trattano questi prodotti possano trasmettere alle loro clienti, la tranquillità e la sicurezza di essere nelle mani di una professionista davvero esperta. Ritengo che la formazione sia fondamentale se si vuole elevare la qualità del proprio lavoro, e questo comporta un aggiornamento maggiore quando si ha a che fare con prodotti altamente professionali. Un supporto importante saranno le nostre Beauty Trainers, che affiancheranno le estetiste passo passo.

Come vi state orientando con la comunicazione?

Oltre all’advertising e alla comunicazione sul punto vendita (brochure, merchandising, materiale POP), ogni linea Elizabeth Arden PRO che verrà presentata, sarà supportata da un marketing su misura con giornate full immersion dedicate alle estetiste, oltre ad un’attenta analisi dei centri per individuare necessità e opportunità utili alla crescita e allo sviluppo. Un lavoro che prevede una costante e periodica verifica dell’acquisizione degli insegnamenti da parte dei nostri trainer. In questa prima fase, per il lancio in Italia, l’1 e il 2 Marzo 2015 allo Sheraton Golf Hotel di Roma, abbiamo organizzato due intense giornate, privilegiate dalla partecipazione attiva di Joseph A. Lewis e del suo staff tecnico, per fornire informazioni, a livello scientifico, relativamente a ingredienti e formulati, cuore dei prodotti Elizabeth Arden PRO, e presentare il training Staff nazionale e internazionale.

Staff Beauty Partner Enterprise

Staff Beauty Partner Enterprise

Una domanda d’obbligo. Come coesistono nel portafoglio di Beauty Partner Enterprise due brand così importanti come Elizabeth Arden PRO e PRIORI®?

Coesistono come una famiglia, perché sia i prodotti di Elizabeth Arden PRO sia quelli di PRIORI® sono tutti figli di Joseph A. Lewis. La comunicazione e il linguaggio sono comuni. Appartenere allo stesso “padre” sarà sicuramente un punto forte della nostra partnership.

In quanti siete nella vostra azienda?

Il nostro staff è composto da circa 30 persone con grande preparazione e competenza nel settore. Tutti abbiamo un solo obiettivo: quello di seguire da vicino la nostra clientela e di non far sentire dei numeri i nostri partner.

Dr. Treppiccioni, lei che è in questo settore da più di 40 anni, quale messaggio vuole dare al nostro settore che sta vivendo, come altri, un momento di crisi?

Intanto che non bisogna parlare di crisi, poiché significa trasmettere tristezza e staticità. In questo momento rappresento un’azienda che sviluppa progetti ed è in crescita del 25% rispetto all’anno precedente. Cosa dire, io sono contento. Questo risultato è frutto del lavoro di una squadra affiatata e coesa. Ho sempre considerato i miei collaboratori come compagni, non c’è distanza tra noi, al contrario c’è intesa e passione. Sì, perché nel lavoro come in tutte le attività ci vuole passione, ci vuole amore e principalmente cuore, questo è il messaggio che vorrei dare al mercato, questa è la mia filosofia e quella delle persone che mi circondano professionalmente.

MabellaEdizioni