Una bella pelle è una pelle ben idratata!

30 settembre 2014

L’applicazione quotiwebmaster di un prodotto idratante è essenziale al suo equilibrio.
Ciò è ancora più vero per l’epidermide del corpo, che si trova ad essere coperta e imbacuccata.

L’acqua è indispensabile alla vita, ed è essenziale anche per la salute della pelle. Veicolata grazie alla circolazione sanguigna, l’acqua è immagazzinata nel derma, che costituisce la vera riserva d’acqua della pelle, visto che ne contiene il 70%. Quest’acqua si avvia in seguito verso gli strati superiori della pelle, fino allo stratum corneum. A questo punto, la pelle svolge un ruolo fondamentale di barriera nei confronti dell’esterno, specialmente grazie all’insieme degli elementi costitutivi dello strato corneo, che le permettono di fissare l’acqua e contrastarne la dispersione. Si tratta dei corneociti, il fattore d’idratazione naturale (NMF), il film idrolipidico e il cemento intercellulare.

I corneociti contengono dei componenti igroscopici (cioè i componenti dell’ NMF: urea, acido urico, lattico e pirrolidone carbossilico, amminoacidi, glucidi, ioni di cloruro, sodio e potassio) protetti dai lipidi contenuti nelle membrane cellulari; se queste vengono aggredite, l’NMF è distrutto e lo strato corneo si disidrata.
A livello del derma e dell’ipoderma, i GAG (glicoamminoglicani), macro-molecole della matrice intercellulare tra le quali in particolare l’acido ialuronico, svolgono un ruolo importante nell’idratazione del tessuto connettivo. Col passare del tempo, si rarefanno e il contenuto d’acqua del derma diminuisce, causando una disidratazione più profonda, accentuata ulteriormente dall’esposizione ai raggi UV.
Molteplici fattori, ma l’invecchiamento innanzitutto
La disidratazione cutanea può essere provocata da fattori diversi: genetici, ambientali, uso di cosmetici non adatti, ma relativamente a quanto detto sopra, l’invecchiamento è la prima causa.
Una sinergia di attivi per un’efficacia ottimizzata
Se è praticamente impossibile influire sul contenuto d’acqua del derma, è invece possibile agire a livello dello strato corneo, apportandovi acqua o piuttosto evitando una dispersione eccessiva, restaurando o preservando la qualità del film idrolipidico di superficie.La maggior parte delle formulazioni dei prodotti idratanti fa dunque ricorso a quattro grandi famiglie di principi attivi:
• le sostanze occlusive: contrastano l’evaporazione dell’acqua cutanea e fanno parte dell’eccipiente. I più utilizzati sono gli idrocarburi (vaselina, olio di vaselina, paraffina), le cere animali (d’api, lanolina), le cere vegetali (carnauba, candelilla), le cere sintetiche, i siliconi, gli esteri grassi;
• le sostanze filmogene: formano un film di superficie sulla pelle, e svolgono inoltre un effetto tensore. Si tratta principalmente dell’acido ialuronico, il collagene, il chitosano, i polisaccaridi aminati (derivati da alghe), i derivati della cellulosa;
• le sostanze umettanti: si tratta di piccole molecole dal forte potere igroscopico. Sono la maggior parte dei componenti naturali dell’NMF (glicerolo, urea, amminoacidi, lattati, zuccheri semplici);
• i regolatori del flusso idrico: scoperti più di recente, agiscono a livello della regolazione del flusso dell’acqua tramite la protezione o il miglioramento dei lipidi cutanei. Sono dei ricostituenti della barriera cutanea come le ceramidi, gli acidi grassi (acido linoleico e linolenico, oli vegetali di girasole, soja, sesamo, borragine, argan), i fosfolipidi e il burro di karité.Per aumentare la loro efficacia, le formule cosmetiche attuali si fondano su un leggero dosaggio di una o l’altra di queste famiglie di principi attivi, allo scopo di attirare l’acqua nelle cellule, ma anche di impedirne l’evaporazione.In seguito, il tipo di prodotto che sceglierete di consigliare alla vostra cliente sarà direttamente connesso alla vostra diagnosi: per una pelle molto secca e priva di lipidi, una crema o un balsamo piuttosto grassi, ricchi e nutrienti; per una pelle dalla tendenza secca, un latte idratante dalla texture fine e leggera; per una pelle secca non irritata, un olio per il corpo. In ogni caso, da applicare almeno una volta al giorno per una pelle equilibrata, morbida e vellutata.
MabellaEdizioni