Un 2015 in prima linea

1 gennaio 2015

L’anno appena trascorso racchiude in sé uno spaccato alquanto nitido della situazione di mercato, caratterizzato da un’economia che sta profondamente modificando le tradizionali consuetudini, spingendo tutti gli operatori del settore a valutare concretamente quali siano le prospettive per il futuro. In questo contesto, ritorna più che mai d’attualità il tema della formazione, dell’aggiornamento e della comunicazione, uniche certezze che contribuiscono a dare maggiore stabilità alla nostra professione. Bisogna vincere l’immobilismo e vivere in prima linea le dinamiche del nostro mercato. Dare nuova linfa alla propria attività, dunque, senza trascurare due materie fondamentali: gli strumenti di marketing e la gestione aziendale.

Lo stesso numero che vi apprestate a sfogliare presenta delle novità rispetto al passato e delinea un passo di svolta sia dal punto di vista strutturale che redazionale. Stiamo gettando le basi per un 2015 in prima linea. MABELLA sta cambiando pelle e già dai prossimi numeri scoprirete tante novità (belle, proprio come lo è il nostro settore!). Per iniziare, chiudiamo il 2014 consapevoli di aver messo in campo una squadra competitiva, composta da redattori di livello, veri e propri professionisti della comunicazione. A partire dal nostro nuovo direttore, Isidoro Ermocida, che unitamente all’entourage di MABELLA, ha dato nuovo entusiasmo al cammino della testata.

Vogliamo continuare ad essere una testata di servizio, utile a tutti voi, e lo vogliamo fare seguendo le tendenze di mercato in modo assolutamente adeguato e completo. Proprio per questo, abbiamo allargato a 360° gradi il nostro pacchetto informativo, orientandoci in modo preponderante anche verso il web, con il nuovo portale www.mabella.it e attraverso il mondo social. Ed è essenziale anche il vostro contributo, per noi, ma soprattutto per lo stesso mercato. Vi invitiamo pertanto a contattarci per scambiare opinioni e idee: confrontiamoci! La crescita passa sempre da un costante dialogo.

Buon 2015, buona lettura e non dimenticate di rinnovare il vostro abbonamento.

Annamaria Scicchitani

MabellaEdizioni