Trucco permanente in estate

19 giugno 2017

Tante persone pensano erroneamente che il trucco permanente non possa essere eseguito in estate. In realtà bisogna avere alcune accortezze

dermopigmentazione

La maggior parte degli operatori, dopo aver eseguito una dermopigmentazione, consegna nelle mani dei propri clienti un memorandum post trattamento con le istruzioni comportamentali per evitare problemi in una fase delicatissima che è quella della cicatrizzazione. Quasi sempre nelle indicazioni si legge il divieto di bagnarsi e di esporsi al sole o a lampade abbronzanti. Il mio personale parere è che la zona appena trattata debba essere detersa con attenzione utilizzando sapone battericida.

La proliferazione batterica è infatti ancora più pericolosa su una “ferita” che deve guarire. Quindi non bagnare la zona non è esattamente corretto. Questa falsa credenza ha fatto diffondere la convinzione che il trucco permanente non sia eseguibile durante il periodo estivo. Non è così, in estate nei giorni successivi al trattamento di dermopigmentazione vanno adottati alcuni comportamenti, uno su tutti è evitare il contatto con l’acqua che potrebbe causare difficoltà di cicatrizzazione e quindi di guarigione.

Un’altra condizione che si presenta nel periodo estivo è l’esposizione al sole. La cute trattata con la dermopigmentazione può essere assolutamente esposta al sole, bisogna solo avere l’accortezza di farlo in maniera contenuta. Sconsiglio di esporre il trucco permanente almeno per una settimana dal giorno in cui è stato eseguito il trattamento. Trascorso tale periodo, si può tranquillamente prendere il sole, applicando una apposita protezione solare.

Gli schermi solari non vanno applicati solo sulla zona trattata: si rischia di ritrovarsi con un antiestetico alone bianco intorno agli occhi! La protezione va invece prudentemente applicata su tutto il viso e, per estensione su tutto il corpo, e questo a prescindere dal trucco permanente!  

Sebbene il sole possa accelerare lo sbiadimento del colore, Il principale nemico del trucco permanente non è in realtà il sole, ma è lo sbalzo termico. Sono, quindi, da evitare, le saune, l’esposizione al sole nelle ore di punta oppure le docce con acqua molto bollente.

Altro errore che è più facile commettere in estate è l’uso scorretto del trucco. Sono più numerose, infatti, le occasioni in cui le donne sentono il bisogno di truccarsi, utilizzando fondotinta e terre abbronzanti. Tali prodotti, applicati sulle sopracciglia dermopigmentate, comportano il viraggio, seppure temporaneo, del colore al grigio-verde. Ciò perché il giallo del fondotinta, legandosi con il nero-marrone delle sopracciglia, fa apparire riflessi verdi. È bene, quindi, pulire le arcate sopraccigliari con un cotton fioc inumidito dopo aver applicato il maquillage per rimuovere residui di fondotinta e terra.

 L’esperto risponde a redazione@mabella.it oppure a info@ennioorsini.com

Ennio Orsini
A pochi esami dalla laurea in Ingegneria Elettronica, Ennio Orsini lascia l’università per dedicarsi al settore dell’estetica. Lavora come make-up artist per produzioni televisive, teatri, sfilate e dà vita a una sua scuola dimostrando originali capacità di insegnamento. Si appassiona alla body-art, in particolare all’Extreme Make Up: trucco permanente, tatuaggi e piercing. Oggi è uno dei più famosi esperti di Dermopigmentazione in Italia e nel mondo. Insegna Trucco e Dermopigmentazione in scuole private e statali, ed è ideatore di apparecchiature per la Dermopigmentazione e consulente tecnico di industrie del settore. E' titolare della "Orsini & Belfatto", un’Accademia di Formazione oltre che una società impegnata nella vendita di prodotti e attrezzature per la micropigmentazione. E’ l'inventore della Tricopigmentazione® e ideatore di una tecnica innovativa per la realizzazione del sopracciglio realistico maschile e femminile. I suoi 5 libri sono stati tradotti in varie lingue.
Deco Studio - T +39 0864 568436 - www.ennioorsini.com