Spa management. Metodo, pianificazione e feedback

30 settembre 2018

Sono molteplici i fattori che influiscono nella corretta impostazione delle dinamiche manageriali di una SPA; i fondamentali sono senza dubbio quelli legati alla creazione della mission e della carta d’identità della stessa (vale a dire le caratteristiche strutturali che ne definiscono la tipologia), nonché, ancor prima, quelli legati allo studio dello specifico concept strategico di riferimento che ne determina, ancora meglio, tutto l’iter metodologico e, appunto, gestionale.

Gestire una SPA, struttura sicuramente complessa e con molteplici potenzialità ed orientamenti di sviluppo (come molteplici sono i campi di applicazione del benessere), è una procedura che implica oggettivamente un profondo conoscimento delle dinamiche e dei meccanismi legati al mondo wellness e a tutte le sue varietà di applicazione.

La creazione di uno specifico metodo tecnico/operativo, relativo alla “specializzazione” della SPA e finalizzato all’obbiettivo principe della stessa (ossia il raggiungimento del risultato mirato, concreto, sul proprio cliente che sia uguale – se non superiore – alla sue precise aspettative… ed individuato grazie alle competenze specifiche ed “incrociate” dei vari professionisti che ne compongono lo staff operativo), diventa il primo passo per porre le basi di un altrettanto specifico e “sano” SPA Management.

Il coordinamento di queste figure professionali (e delle relative discipline), nonché la conseguente pianificazione operativa di tutta la struttura wellness, porta infatti ad un evoluto cross-selling di opportunità, sviluppato “incrociando” le richieste degli ospiti con le proposte dei prodotti e dei servizi offerti;

tutto questo genera, attraverso l’educazione al prendersi cura di sé (massima espressione della professionalità dello staff di operatori/consulenti/educatori), il conseguente “bisogno” dell’ospite di tornare nella SPA perché “seguito” e soddisfatto in tutte le sue esigenze ed aspettative.

Perciò: l’idea e il relativo concept strategico producono mission, tipologia, caratteristiche e specializzazione della SPA; tutto questo crea le basi per il metodo tecnico che, ovviamente, permette di impostarne anche l’organizzazione commerciale e, di conseguenza, tutta la struttura gestionale;

il risultato è così una perfetta sinergia fra i contenuti che, personalizzando al massimo le proposte e i risultati sul cliente, determina in quest’ultimo la necessità, l’abitudine e, di conseguenza, il ritorno e la sua fidelizzazione alla SPA.

L’aver creato un metodo globale incentrato sulla mission caratteristica della struttura wellness permette infatti di avere (e gestire) una flessibilità totale col cliente che, diventando abitudinario e costante nella sua frequentazione, consente non solo di elaborare efficaci strategie di revenue management, ma anche di prevedere (ed organizzare) al meglio le entrate della SPA sia rispetto ai costi fissi (i basilari e più importanti) sia rispetto a quelli variabili (che, ovviamente, nascono in funzione delle scelte accessorie legate al concept e alla tipologia della stessa).

Terzo passaggio fondamentale in tutto questo è poi il feedback operativo, strumento indispensabile nella verifica di tutte le procedure ed iniziative operate (dallo sviluppo e applicazione del metodo, all’incidenza di questo sul flusso di clientela nonché alla qualità e quantità di clienti fidelizzati), attuato attraverso specifiche azioni di controllo, iniziative di customer care e di gestione del CRM.

Pianificare una strategia attraverso il giusto Wellness/SPA Concept è la principale forma di gestione efficace:

permette di coordinare tutti i processi e le attività del centro wellness, la previsione e pianificazione di obbiettivi e risultati, lo sviluppo e la redditività del prodotto/servizio offerto nonché tutta la parte promo, comunicazione e marketing.

In questo modo si determina uno SPA Management efficiente, per un’equilibrata gestione economica e finanziaria di tutta la struttura (compresa anche la parte hospitality, dove presente, con tutta la gestione relativa al sistema turistico); gestione esemplare, con un bilancio ottimale di produttività e redditività della SPA, che permetta tutte le fasi di sviluppo della stessa (da SPA Trend a SPA Beauty Farm) fino ad arrivare al massimo obbiettivo finale: la SPA Brand.

Simone Ciolli
Formatore e Project Manager in SPA & Wellness Strategy, esperto in Metodologie e Percorsi Wellness, da oltre 25 anni si occupa del settore Cosmesi Professionale & SPA. La consulenza si divide fra strutture wellness e aziende di settore, fra format di sviluppo per SPA Multilevel e progetti strategici aziendali di SPA Business Management per importanti brand cosmetici internazionali e aziende leader nel mercato del benessere. Come divulgatore tiene seminari e corsi di formazione, scrive articoli di wellness management su riviste specializzate, partecipa come relatore a convegni sul tema SPA & Wellness e coordina l’impostazione tecnica e di wellness concept per mostre-eventi nelle fiere di settore. Ha ideato il format Health SPA e, con un Team di collaboratori qualificati e specializzati (il THS), continua a creare nuove soluzioni per ottimizzare risultati e procedure tecnico/ commerciali di cross-selling e sviluppo per strutture Urban, Resorts, Thermal, Medical & Fitness.

SC SPA Consulting - T +39 335 6117416 - www.sc-spaconsulting.it