Rigenerare la pelle dopo il sole

Rigenerare la pelle dopo il sole

Di Rita Rizzi

I raggi UV, a seconda della loro lunghezza d’onda e del loro livello di penetrazione, a partire da una certa dose generano alterazioni sulla pelle perfettamente identificate che vanno dalle scottature solari al foto – invecchiamento

Combinati con acqua di mare salata, vento o sabbia, i raggi ultravioletti seccano la pelle rendendola più fragile. Applicato dopo ogni esposizione, il doposole aiuta a completare l’azione della protezione solare ripristinando il film idrolipidico della pelle e garantendo nuovamente la coesione epidermica delle cellule prevenendo bruciature, eritemi, e foto-invecchiamento. Per scegliere correttamente il doposole ideale, è necessario prendere in considerazione diversi criteri: il tipo di pelle, la consistenza e il risultato desiderato. La pelle più fragile, sensibile o allergica opterà per formule molto idratanti e prive degli allergeni più comuni mentre la pelle grassa può optare per una consistenza leggera, anche in gel. A seconda del tipo di pelle e delle abitudini di bellezza, è possibile scegliere tra diverse textures: emulsioni fluide, burri corposi e sontuosi o leggeri gel, per finire con oli setosi. Idratante e fluido allo stesso tempo, il latte doposole è sicuramente il più utilizzato, perché facile da usare e di rapido assorbimento. Più ricchi, la crema doposole o il balsamo, dalla consistenza più spessa e untuosa, sono indicati per chi soffre di pelle secca e alipica.
Per chi ama l’effetto glowing, l’olio doposole aiuta a nutrire e ammorbidire la pelle migliorando l’abbronzatura per pelli luminose e satinate.

L’acqua doposole è una soluzione per pre-idratare la pelle, la sua azione è insufficiente in caso di grave disidratazione. Oltre all’idratazione, le nuove formule doposole offrono anche piccoli bonus per la pelle. Quella sensibile e incline a scottature deve optare per formulazioni appositamente create per combattere e lenire le ustioni. In prima linea Pantenolo, Alfa Bisabololo, Ceramidi, burro di Karitè e olio di Germedi grano.

Leggi anche L’articolo Dopo il sole di Umberto Borellini

Leggi anche l’articolo Cosmetica pulita cos’è e quali sono le sue caratteristiche? di Rita Rizzi

Inoltre, la Lanolina vegetale e la Vaselina vegetale sono estremamente utili perché consentono di limitare la perdita di acqua transepidermica “fissandola” sulla pelle, consentendone una rapida reidratazione. Alcuni estratti ottenuti dalle frazioni lipidiche della Physalis Alchechengi uniscono alle proprietà lenitive, quelle di protezione dai raggi infrarossi, ovvero dal calore generato dai raggi solari. Per prevenire l’invecchiamento precoce della pelle, i doposole anti-age contengono agenti idratanti e antiossidanti che rimpolpano la pelle, riempiono le rughe e altri segni dell’invecchiamento. I blend di diverse forme di polimerizzazione di Acido Ialuronico, ad esempio, consentono di esercitare una funzione idratante long-lasting. I peptidi di Rame esercitano una potente attività riparatrice, come anche gli estratti naturali di Rucola, ricchi di isotiocianati, o l’estratto di Malachite, un potente antiossidante ricco di Rame.

Per leggere l’articolo completo abbonati a Mabella

I Nostri Esperti – Leggi tutti gli articoli