Riflessioni

1 novembre 2018

Adulti contro millennial, giornalisti contro influencer, off line contro on line, libri contro ebook, giornali cartacei contro testate web, mercato local contro mercato global, la vendita tradizionale contro l’e-commerce.

Ma siamo proprio sicuri che gli uni siano contro gli altri o invece si stia assistendo ad un cambiamento che vede piuttosto l’integrazione delle parti contrapposte?

Questa è un’epoca di grandi trasformazioni, ma anche di grandi contraddizioni e, se dovessimo dire chi ha più ragione, forse chiuderemmo la querelle in parità.

L’imponente flusso tecnologico ha cambiato le nostre abitudini il nostro modo di sentire le cose e viverle, ma ha creato anche dei bisogni. Il ritorno alla natura, all’essenziale, il valore delle tradizioni, il tempo per se stessi.

E in questo contesto si riscoprono l’emozione di parlare con i nostri vecchi, il piacere di leggere un giornale, il profumo della carta quando si volta la pagina di un libro, la felicità di uscire da un negozio con un buon consiglio, la gioia di una passeggiata nei boschi, della conquista di una vetta, dello stare insieme e della condivisione.

Dobbiamo riflettere sulla fondamentale importanza dei rapporti umani, sulla straordinaria energia delle emozioni perché, tutta questa tecnologia, tutto questo internet, tutto questo essere social, non saranno mai l’alternativa di un incontro.

Buona bellezza a tutti

Anna Scicchitani

Leggi tutti gli editoriali 

Annamaria Scicchitani