Assemblea annuale dell’associazione Fapib: qualità totale

21 settembre 2016

La decisione di predisporre un Codice Etico che possa caratterizzare in maniera chiara le attività dell’associazione e degli associati costituisce sicuramente il

Bernardo Franco Cerisola - Presidente FAPIB

Bernardo Franco Cerisola – Presidente FAPIB

principale propulsore di questo cambiamento di passo ed è anche l’elemento centrale attorno al quale ruotano in maniera sinergica tutte le altre attività che, collegate tra loro, danno origine alla visione della nuova FAPIB. “Abbiamo identificato in quattro aree di intervento le diverse azioni tra loro strettamente interconnesse: Qualità, Formazione, Ricerca, Informazione” afferma Bernardo Franco Cerisola, Presidente di FAPIB. “Sulle suddette tematiche si basa e si sta sviluppando il rilancio della nostra associazione; alcune attività sono già in atto e altre dovranno seguire a breve “. Il Codice Etico è sicuramente un mezzo di comunicazione importante per meglio identificare cosa rappresentano le aziende associate alla FAPIB, e quali garanzie di Qualità Totale esse offrono e garantiscono nella gestione del business e nei rapporti con tutti gli stakeholders del mondo dell’estetica professionale.

Nell’ambito della Formazione e della Ricerca, i soci FAPIB si riconoscono anche per la qualità dei propri servizi, in particolare sotto forma di:

• fornitura di formazione, istruzione, servizio e supporto, al fine di permettere un uso efficace e sicuro delle tecnologie riguardanti il settore;

• supporto all’accrescimento delle competenze professionali del personale dei centri estetici per un utilizzo delle tecnologie improntato al raggiungimento della soddisfazione del cliente finale in completa sicurezza e garanzia di massima qualità.

FAPIB non vuole diventare scuola, ma ha l’aspirazione di essere riconosciuta come affidabile esperto che favorisce e collabora alla corretta divulgazione e all’insegnamento su tecnologie, metodiche, applicazioni, normativa e sicurezza, garantendo una formazione di Qualità Totale ed etica, frutto della ricerca costante delle aziende associate e delle iniziative di approfondimento di know-how che FAPIB sta pianificando” conclude Cerisola. In questa fase di rilancio, FAPIB ha identificato le associazioni di categoria Cna e Confartigianato come partner fondamentali con cui condividere lo sviluppo e la crescita del settore dell’estetica professionale. La formale costituzione dell’Osservatorio sulle Apparecchiature estetiche – a cui concorrono FAPIB, Cna e Confartigianato – ha come scopo primario l’obiettivo della qualità nei rapporti tra i vari attori del settore ed è sicuramente un presidio di garanzia della sicurezza delle informazioni.

Il rapporto di collaborazione con le associazioni di categoria offre inoltre a FAPIB la possibilità di raggiungere una massa critica tale da riaprire i collegamenti con il Ministero della Salute e il Ministero dello Sviluppo Economico che si sono interrotti con la chiusura del tavolo tecnico consultivo. “Una prima richiesta di incontro riguardante le richieste di modifica relative ad alcune schede del Decreto 206/2015 predisposte da Cna e Confartigianato e sottoscritte da FAPIB, è stata sottoposta al Mise che ha confermato la volontà di valutare queste proposte e l’impegno a un incontro collegiale per discutere questi punti” conferma Cerisola. “Utilizzeremo tale incontro anche per chiedere la definizione del metodo di presentazione, approvazione/rigetto di nuove tecnologie attualmente non comprese nel Decreto 206/2015”.

L’Informazione, supporto indispensabile per comunicare all’esterno e far conoscere l’associazione, i suoi principi e le sue attività, è diventata un ulteriore elemento fondamentale per la Qualità Totale di FAPIB. “Il Consiglio Direttivo ha dato indicazioni specifiche su questo punto e si è pertanto deciso di attivare una società esterna specializzata nella comunicazione nel settore dell’estetica professionale” afferma il Presidente “che ha il compito di dare vita a un’azione di informazione, costante e mirata, attraverso la quale verranno promossi i quattro punti cardine del nuovo corso dell’associazione. FAPIB dovrà essere nota a tutti e dovrà essere sinonimo di garanzia, sicurezza ed efficacia. Garanzia per quanto riguarda il raggiungimento dei risultati promessi, la corrispondenza alle norme di legge vigenti, i rapporti tra aziende e operatori del settore dell’estetica professionale, il supporto postvendita di assistenza e la formazione, nonché per la salute e il benessere dei clienti finali”.

Tale azione di comunicazione deve far riacquistare al mondo dell’estetica professionale il giusto peso, rappresentato in termini numerici da tutti coloro che operano e generano business: non stiamo parlando di poche centinaia di addetti ma di almeno 100.000 persone che attivamente, con il loro lavoro e con la loro dedizione, generano un giro d’affari di tutto rispetto. Il primo appuntamento per conoscere la nuova FAPIB si terrà in occasione del 37° Congresso Italiano di Estetica Applicata nell’ambito di Esthetiworld by Cosmoprof, dal 22 al 24 ottobre presso il MiCo – Fiera Milano Congressi.

Franco Bernardo Cerisola
Ligure, ingegnere meccanico, laureato nel ’72, ha fatto numerose esperienze in aziende multinazionali quali Philips, 3M, Snia Viscosa in qualità di manager nel comparto della produzione e della gestione. Per 3M, settore medicale, è stato 2 anni negli Stati Uniti, occupandosi di trasferimenti e integrazioni di tecnologie tra Usa, Italia, Giappone. Tornato in Italia lavora in Amplifon e poi come direttore di stabilimento di una società americana con sede a Reggio Emilia. Nel 2003 approda al mondo dell’estetica, assumendo il ruolo di responsabile delle attività industriali per lo sviluppo di cosmetici e apparecchiature, della produzione e della qualità di GTS, riconfermato successivamente anche dalla nuova proprietà l’Alfaparf. Diventa consulente tecnico di Confartigianato, sedendo al tavolo tecnico del Ministero, istituito dopo il decreto del 2011, e oggi è un apprezzato consulente di Alfaparf.

www.fapib.it