Oncology Esthetics. La certificazione dell’estetica oncologica

2 febbraio 2018

Oncology Esthetics è il metodo sicuro, creato da Morag Currin, per l’esecuzione dei trattamenti estetici rivolti alle persone in terapia oncologica.

Questa particolare e attenta procedura considera ogni aspetto della malattia oncologica, compresi i differenti approcci terapeutici, con l’obbiettivo di promuovere il benessere e la qualità della vita delle persone, agendo anche sul rilassamento di mente e corpo.

Il grande successo riscontrato a livello Internazionale da Oncology Training International – Oncology Esthetics, ha portato alla nascita, nel marzo 2014, dei corsi per la certificazione OTI Oncology Esthetics anche in Italia.

Giunti in tre anni alla quindicesima edizione, (300 operatori formati in Italia e più di 2000 in 10 paesi nel mondo) i corsi, organizzati oggi in collaborazione con il CDI Centro Diagnostico Italiano, sono rivolti a estetiste specializzate e infermieri, analizzano in modo approfondito i temi legati alla malattia e alle cure oncologiche e i trattamenti estetici che si possono eseguire in totale sicurezza e senza interferire con le cure.

Riconosciuta a tutti gli effetti come trattamento complementare alle cure tradizionali, l’estetica oncologica è un campo in cui occorre muoversi con molta attenzione e cautela”, spiega Angela Noviello, direttore Oncology Training International – Oncology Esthetics Italia e Coordinatore Europa, “i clienti, in questo caso, sono persone in cura per una patologia oncologica e il loro corpo, la loro pelle e il loro sistema immunitario sono delicatissimi e imprevedibili.

Può essere sufficiente un massaggio eseguito in modo scorretto o l’aver impiegato un prodotto non perfettamente compatibile con la terapia in corso, per scatenare effetti collaterali sgradevoli.

Non è consentita l’improvvisazione quando si parla di operare su soggetti malati, l’estetica oncologica deve essere praticata solo da personale altamente qualificato, con una formazione e competenze specifiche, in grado di promuovere il benessere e la qualità di vita dei pazienti oncologici in modo consapevole, ma soprattutto sicuro”.

Per questo, e per far fronte alla divulgazione del metodo OTI nelle strutture ospedaliere italiane, è stato importato nel marzo 2014 dagli Stati Uniti un percorso formativo completo e articolato in diversi moduli, in gradi di approfondire le diverse aree di competenza.

Il corso si sviluppa in 3 giornate full immersion e un tirocinio pratico, grazie all’impegno e alla determinazione delle Professioniste Certificate, che oggi il metodo OTI è presente in 24 strutture Ospedaliere distribuite su tutto il territorio Nazionale.

Durante il corso – prosegue Angela Noviellovengono trattati contenuti elaborati da medici specialisti in oncologia e professionisti del settore estetico, volti a trasferire agli allievi nozioni sulla malattia, le terapie e gli effetti collaterali, così da insegnare a eseguire trattamenti non invasivi studiati appositamente per i pazienti oncologici, e effettuare consulenze dermocosmetiche, consigliando ed eseguendo protocolli viso e corpo estetici sicuri, personalizzati e capaci di tenere sempre conto della storia clinica del paziente”.

Al termine del corso, della durata di 3 giornate e conseguente tirocinio, è previsto un esame teorico e pratico per ottenere la Certificazione Internazionale OTI Oncology Esthetics che consente alle estetiste di poter operare su pazienti oncologiche, previo nullaosta del medico curante, in strutture private o pubbliche.

Oncology Training International – Oncology Esthetics Italia è l’unico ente in Europa a fornire un percorso di formazione così strutturato, caratterizzato da basi scientifiche e completo.

Per avere tutte le informazioni sui corsi, relativi costi e date www.oti-italy.com www.oti- oncologytraining.com oppure angela@oti-oncologytraining.com

a cura di Rosanna Bassi

foto di Lisa Martignetti

MabellaEdizioni