Mission di una SPA: tipologia e carta d’identità

4 gennaio 2018

Entrare in una SPA vuol dire concedersi la possibilità di effettuare, in un’unica struttura, una totale rigenerazione di mente, corpo e spirito attraverso un percorso di benessere, prevenzione e remise en forme a 360°. Questa è la mission che oggi, a livello internazionale, rappresenta il cuore di ogni struttura wellness che voglia riconoscersi come tale. Ma allora, perché esistono tante tipologie di SPA?

Indubbiamente, ogni struttura benessere che si definisca SPA si riconosce principalmente dagli aspetti generali che la identificano come tale, caratteristiche di base che condivide con tutte le altre strutture similari… mentre la sua organizzazione di lavoro, che comprende invece le caratteristiche specifiche che la contraddistinguono (come location, dimensioni, struttura, discipline e professionisti), diventa in automatico l’identificazione stessa della sua “tipologia”.

Proprio per questo, la suddivisione in tipologie, diventa utile per identificare al meglio core business e mission di ogni SPA, nonché per creare le strategie di base (il concept) e guidare fin da subito le aspettative dei relativi clienti verso obbiettivi ben precisi.

Suddividendo in tipologie, possiamo già valutare, per esempio, la netta distinzione che esiste fra le strutture benessere inserite in un contesto cittadino/urbano (le Urban o City o Daily SPA) e quelle inserite invece nel mondo dell’hospitality (cioè le Hotel o Resort SPA): una distinzione dovuta ai diversi meccanismi di frequentazione dei propri clienti (la prima ha una fruizione giornaliera, settimanale e mensile continua, mentre la seconda ha una fruizione generalmente one shot, oppure per un week end o, al massimo, settimanale) che comporterà, per entrambe, la scelta di strategie e metodologie tecniche, di gestione e sviluppo diverse e ben precise.

Lo stesso ragionamento si attua perciò per tutte le altre strutture, con contenuti e discipline specifiche, come ad esempio le Medical SPA, le strutture SPA Termali e/o Talassoterapiche, le Fitness o Club SPA… e così via.

Il vero punto fondamentale di questa analisi tipologica diventa quindi valutare, anticipare e capire meglio le aspettative dell’ospite che entra e frequenterà la SPA…e questo, come vedremo meglio in seguito, servirà soprattutto in fase di ideazione e progettazione, per una prima apertura, o in fase di riorganizzazione di queste strutture wellness.

Delineare perciò una precisa Carta d’identità della SPA (la SPA Identity della struttura) per farla individuare da una clientela specifica e selezionata verso ciò che questa offre, aiuterà ad attuare lo spostamento della percezione del benessere, nell’ospite, da “soggettivo” ad “oggettivo”, con la garanzia di impostare, fin da subito, risultati uguali (o superiori) rispetto alle sue aspettative e legandolo così indissolubilmente a questi. Come?

Facciamo un esempio: una SPA promuove una sua novità (più o meno legata ai trend del momento) come “percorso di benessere totale, emozionale e avvolgente”… cioè una classica vendita emozionale. Il cliente che entra per la prima volta (e che, nel 99,9 % dei casi, ricerca nel benessere fondamentalmente tutto ciò) viene così inserito in una procedura strategica ben precisa e legata alla tipologia della SPA stessa: riceve prima un’accoglienza con un “ascolto attivo” sulle sue motivazioni al benessere e poi l’esecuzione di uno SPA Ritual completo, avvolgente, emozionante e personalizzato; qui viene inserito l’importante valore aggiunto (grazie alle specifiche competenze professionali dello staff operativo) di “educarlo” a prendersi cura di sé, per poi “guidarlo” in modo mirato al raggiungimento del “suo” benessere, creandogli così un’aspettativa mirata e ben precisa di risultato.

E questo, quando si verifica, diventa l’unica motivazione per la quale il cliente possa poi voler tornare a rivivere quell’esperienza… e si fidelizza!

Simone Ciolli
Formatore e Project Manager in SPA & Wellness Strategy, esperto in Metodologie e Percorsi Wellness, da oltre 25 anni si occupa del settore Cosmesi Professionale & SPA. La consulenza si divide fra strutture wellness e aziende di settore, fra format di sviluppo per SPA Multilevel e progetti strategici aziendali di SPA Business Management per importanti brand cosmetici internazionali e aziende leader nel mercato del benessere. Come divulgatore tiene seminari e corsi di formazione, scrive articoli di wellness management su riviste specializzate, partecipa come relatore a convegni sul tema SPA & Wellness e coordina l’impostazione tecnica e di wellness concept per mostre-eventi nelle fiere di settore. Ha ideato il format Health SPA e, con un Team di collaboratori qualificati e specializzati (il THS), continua a creare nuove soluzioni per ottimizzare risultati e procedure tecnico/ commerciali di cross-selling e sviluppo per strutture Urban, Resorts, Thermal, Medical & Fitness.

SC SPA Consulting - T +39 335 6117416 - www.sc-spaconsulting.it