L’importanza dei protocolli

20 agosto 2015

Prendersi cura di sé, della propria forma fisica, del proprio benessere è diventato uno dei tratti “culturali” distintivi del nostro tempo: lo dimostrano l’attenzione sempre più focalizzata sull’alimentazione, vista come principale alleata della salute e dunque della bellezza, l’adozione di stili di vita corretti e salutari, il maggiore orientamento dei consumatori ad informarsi prima di scegliere, la richiesta sempre più forte di qualità e professionalità soprattutto nel settore della cura personale. Chi si rivolge ad un centro estetico è ormai un consumatore “esperto”, adulto, dispone di risorse culturali ed economiche, conduce una vita costantemente esposta al confronto sociale, è propenso ad un investimento – anche consistente – nella cura di sé, con capacità di selezionare stimoli e proposte e affidarsi a saperi esperti. E’ interessato, quindi, ad un’offerta di prodotti e trattamenti veicolata da un “interlocutore” adeguato, credibile, in grado di garantire le promesse di performance del prodotto in termini non solo di immagine, ma innanzitutto di sostanza, qualità e risultato.

Per rispondere al meglio alle esigenze sempre più definite di una clientela evoluta, diventa di fondamentale importanza, per chi opera in un centro estetico, la conoscenza approfondita e il corretto utilizzo dei protocolli con cui le aziende forniscono le specifiche tecniche e le procedure da mettere in atto per poter garantire i risultati ottimali, sia per quanto riguarda l’impiego di apparecchiature che per l’uso di prodotti cosmetici e le tecniche più avanzate di massaggio viso e corpo.

I protocolli sono applicativi per effettuare un trattamento indirizzato a specifiche azioni correttive su diverseProtocolli1 tipologie di inestetismi e garantiscono al cliente il risultato attraverso precise modalità e tempistiche di attivazione, affidato alla professionalità dell’estetista. Quest’ultima ha il compito di saper illustrare ai clienti le caratteristiche delle apparecchiature e dei prodotti e saper informare correttamente su quali siano i risultati che si possono ottenere, spiegando le modalità e i tempi necessari al raggiungimento dell’obiettivo.

Per questo le aziende produttrici puntano molto sulla qualità della formazione degli operatori: l’estetista è una figura professionale riconosciuta e per offrire un servizio di qualità, coerente con l’evoluzione del settore, deve essere costantemente formata sulle innovazioni tecnologiche, sulle sostanze impiegate nelle formulazioni dei prodotti, su come apparecchiature e prodotti possano agire in sinergia, potenziando gli effetti del trattamento. Infatti le apparecchiature di trattamento cosmetiche si avvalgono ormai delle più avanzate soluzioni informatizzate, di prodotti ad alto contenuto tecnologico, frutto di ricerche molto sofisticate, che richiedono un costante approfondimento da parte delle operatrici.

E’ importante che la formazione delle estetiste riguardi anche la capacità di comunicare con i propri interlocutori in maniera esaustiva, chiara ed efficace, perché una comunicazione competente e allo tempo stesso empatica è il primo passo verso la fidelizzazione della clientela, attraverso l’ascolto e la proposta di soluzioni personalizzate, mirate a costruire programmi “su misura” per ogni esigenza.

MabellaEdizioni