Le interviste: Silvia Bresciani

7 agosto 2018

Rag. Silvia Bresciani

Consulente di Management certificato CMC da Apco Milano

Oggi il cliente che si rivolge a un centro estetico è sempre più consapevole e informato. Per l’estetista, la sola strada da percorrere per garantire un servizio efficiente e vicino alle esigenze dell’utente finale, è quella della formazione e della specializzazione. Dermosfera risponde a questo bisogno con il percorso di Alta Formazione EBM.  Ci racconta com’è strutturato il suo corso e quali sono gli strumenti che le sue lezioni forniscono alle operatrici del settore?

Il percorso di Alta Formazione EBM, è un percorso che si sviluppa in cinque moduli multidisciplinari denominati masterclass, quella da me curata è la quarta, totalmente dedicata al potenziamento della cultura manageriale dell’estetista, unita alla conoscenza dei principali strumenti di controllo di gestione, creati per l’azienda centro estetico.

Come sempre abbiamo deciso di puntare in alto per le nostre professioniste del benessere, con il preciso intento, di restituire alle partecipanti strumenti pratici ma anche approcci innovativi.

E’ mia convinzione che, l’innovazione debba uscire dai perimetri ad essa abitualmente riservati: uffici di ricerca e sviluppo di grandi imprese, per divenire linguaggio prima mentale e poi interno ad ogni organizzazione.

L’ innovativo approccio al controllo di gestione, presentato in questo percorso, parte infatti dalla consapevolezza che, le performance del proprio bilancio, non sono altro che la risultanza di un modello di business che funziona o necessita di essere innovato e, per farlo, è necessario conoscerne i processi di analisi, partendo anche dalla volontà ed energia che muovono in nostro fare.

Lo faremo insieme, nella quarta masterclass EBM, due giornate formative, altamente dinamiche dove, le partecipanti disporranno da subito di uno strumento di business model design, personalizzato per l’estetica che, associa all’analisi della strategia del modello strumenti di verifica delle risultanze economico-finanziarie dello stesso.

Uno strumento di analisi del proprio modello di business che, grazie all’approccio visual thinking (pensiero visuale) riduce la complessità degli argomenti, aiuta a semplificare il linguaggio per condividerlo rapidamente a prescindere dal livello di preparazione di ogni singolo partecipante.

La mia figura sarà una guida nelle sessioni formative che supporterà con quesiti, esempi, immagini, la mappatura del proprio centro estetico in nove aree strategiche, tra loro strettamente collegate, per comprendere la logica con la quale il centro estetico genera, distribuisce e cattura valore.

Le partecipanti al termine del percorso avranno completato il processo di mappatura ed analisi dell’attuale modello di business, rilevandone opportunità e rischi, strumenti presenti o da implementare nella propria gestione.

Un concreto percorso di autovalutazione e consapevolezza, ma nello stesso tempo un full immersion nel modello di gestione del centro, sganciato dalle sole logiche contabili, notoriamente poco amate dalle professioniste del settore, per supportarle nella generazione di un pensiero creativo presupposto essenziale per innovare.

Come rispondono le estetiste?

Considerando l’approccio per il settore “disruptive innovation”, sono molto soddisfatta e sono grata a tutte le professioniste che popolano le mie sessioni formative

Chi decide di fare questo percorso, è già consapevole che la formazione è continua anche in ambito manageriale, la programma sistemicamente e la considera ormai parte irrinunciabile del proprio portfolio personale in quanto, ne misura l’utilità quotidianamente oltre che nella verifica delle performance aziendali anche nelle relazioni esterne con i partners: professionisti, banche, imprese fornitrici.

Cosa significa diventare Beauty Manager?

Significa acquisire il titolo di riconoscimento rilasciato dall’Associazione AssoSpa&BeautyManager, con validità riconosciuta dal Ministero dello Sviluppo Economico (MISE), Beauty Manager: professionista del benessere a 360°.

Ma certamente diventare Beauty Manager significa differenziarsi per qualità e modalità di interpretare ed esercitare la professione. Significa dare e ricevere valore nel fare quotidiano, restituendo al mercato servizi di eccellenza. Diventare Beauty Manager oggi ritengo non è sia più solo un’opportunità ma una necessità.

www.guinot.it www.marycohr.itwww.rheacosmetics.com

a cura di Camilla Barni

Scopri tutte le interviste

MabellaEdizioni