La teoria del colore

10 novembre 2017

Scegliere i colori giusti per i toni della pelle dei vostri clienti è una miscela di scienza e arte

Durante il periodo natalizio tutti abbiamo voglia di essere migliori: più buoni e più belli! Anche chi, normalmente, non si prende cura delle proprie mani e piedi, è invogliato a provvedere a “vestirli” con shade luminose e splendenti. Ma come possiamo consigliare al meglio le nostre clienti? Tutti possono indossare qualsiasi colore? Scegliere i colori giusti per i toni della pelle dei vostri clienti è una miscela di scienza e arte. Infatti, alcuni colori possono illuminare i toni della pelle e completarli perfettamente, mentre altri possono risultare così in contrasto con la pelle della nostra cliente che diventano insignificanti. Ecco una guida rapida sui toni della pelle e sui colori che si devono privilegiare.

TONALITÀ DELLA PELLE

I toni della pelle sono classificati in teoriche “temperature”, a seconda del sottotono della pelle e non del colore visibile esternamente. I toni della pelle fredda si sposano meglio con sottotoni blu o rosa; la pelle calda, invece, è generalmente più scura e quindi si abbina meglio con sottotoni del giallo o verde oliva. Il sottotono può essere trovato guardando l’area del polso, o un altro posto sul corpo che riceve poca luce. Toni freddi della pelle (sottotoni blu o rosa) Pelle molto chiara – i clienti con la tipica pelle dai toni freddi stanno molto bene con il rosso e le tonalità leggere-medie di viola e rosa, perché il i colori profondi spiccano maggiormente su una pelle così chiara. Pelle chiara – shade con dettagli metallizzati aiutano a far risaltare il colore sulla pelle dai toni medi dei vostri clienti: in questo caso saranno da privilegiare colori come il rosa brillante, i blu e gli arancioni. Toni caldi della pelle (sottotoni giallo o verde oliva) Pelle abbronzata – i colori lucidi più scuri riescono a risaltare bene sulla pelle abbronzata, così è meglio scegliere shade luminose e vibranti. I rosa e i blu potrebbero comunque andare bene, ma sono da preferire i marroni chiari e i toni del cioccolato. Pelle scura – i toni della pelle scura funzionano bene con colori scuri, come il verde scuro, i rossi molto scuri e il bordeaux.

LA RUOTA DEI COLORI

La ruota dei colori divide le tonalità in tre categorie: – colori primari, colori secondari e colori terziari. Questa struttura è stata inventata dal genio matematico Sir Isaac Newton per illustrare lo spettro di colori che compaiono quando un fascio di luce solare attraversa un prisma, mettendoli in sequenza su una ruota. Colori primari Pigmenti puri che non possono essere creati miscelando tra loro altri colori. Da questi colori, in realtà, derivano tutti gli altri colori presenti nello spettro cromatico. Differenti miscele costituiscono le diverse tonalità, insieme al bianco e al nero. I colori primari sono il rosso, il giallo e il blu. Colori secondari Colori che nascono dalla miscela in parti uguali di due colori primari. Stiamo parlando dell’arancione (1: 1 rosso e giallo), del verde (1: 1 giallo e blu) e del viola (1: 1 blu e rosso). Colori terziari Sono colori composti da miscele in parti uguali di un colore primario e del suo più vicino colore secondario. Ci sono molti colori intermedi e sono composti da rosso-arancio, aranciogiallo, giallo-verde, verde-blu, blu-viola e viola-rosso.

LO SCHEMA DEI COLORI

Si suddividono in: monocromatici, analoghi, complementari e triadici. I colori monocromatici Uno schema con un unico colore o tinta, giocando con le differenti tonalità del colore stesso, le sue sfumature e i toni. I colori complementari Si tratta di quei colori posizionati esattamente nella parte opposta sulla ruota del colore. I colori triadici Colori uniformemente distanziati attorno alla ruota dei colori. I colori analoghi Colori che si trovano uno accanto all’altro sulla ruota dei colori. Normalmente si abbinano bene e creano degli accostamenti molto eleganti.

L’esperto risponde a redazione@mabellaedizioni.it

A cura di Flavia Pitton – Nail artist – trainer OPI

MabellaEdizioni