I toni e la moda primavera/estate 2016

15 marzo 2016

Models: Sofia Scanferla, Francesca Mazzero ı Photography: Lorenzo Rui ı Mua&hair: Alessio Ambu

Models: Sofia Scanferla ı Photography: Lorenzo Rui ı Mua&hair: Alessio Ambu

Anno dopo anno, decennio dopo decennio, abiti, capelli e trucco sono stati iconografici di ogni periodo storico. Alla fine del 1700 vediamo la nascita della moda nel senso più moderno del termine. Durante il regno di Luigi XVI, a Parigi, il furto di abiti e accessori diviene più frequente rispetto a quello del cibo. La moda diventa definizione di status sociale. Indossare scarpe e cappelli non è più solo forma di espressione collettiva, ma personale. Si scelgono colori e forme da indossare a seconda della stagione moda, che cambia freneticamente. I colori più amati da Maria Antonietta, sovrana dell’epoca, passata alla storia come simbolo di rivoluzione overfashion, corrispondono ai pastelli che Pantone, istituto del colore, assegna al 2016.

I toni scelti per la stagione primaverile sono tenui e decisi: dall’azzurro serenity che vira nel viola e nel grigio, al romantico rosa quarzo. Come un delicato fiore di campo o un tranquillo tramonto, il rose quarz vuole ricordare le calde giornate di sole, che hanno ispirato anche il peach echo, una variante dell’arancione più portabile e abbinabile ad altri colori più o meno intensi.

portrait-597173_1280Lo snorkel blue è un blue marittimo che riporta ai meravigliosi fondali marini. Il green flash, verde brillante in contrasto ai pastello, rappresenta la natura che influenza tutti i mood della prossima primavera estate. Il mix per la prossima stagione è variegato. Le righe, dalle classiche marinière bianche e blu proposte da Les Copains e Dolce & Gabbana, diventano sperimentali per i meravigliosi tricot firmati Missoni, che saranno attualissimi non solo negli abiti, ma anche per l’arredo. E’ folk global la tendenza che accomuna l’abito romantico di Fendi a quello di Prada, con fiori non più stampati, ma applicati e finemente ricamati. L’ispirazione tropicale jungle ha conquistato il beach wear, costumi dalle fantasie in stile giungla centroafricana, pattern dai toni cipria e terra. Il guardaroba della bella stagione profuma di caleidoscopiche stampe in cui flora e fauna disegnano un nuovo stile all’insegna della gioia di vivere.

Chanel, collezione cruise di Karl Lagerfield, mescola le stampe di cultura pop con colori effervescenti come il rosa e l’azzurro con tagli semplici ed essenziali. Gli stili orientali, a righe o a fiori, caratterizzano le gonne a pieghe di carattere vintage proposte da Alessandro Michele, direttore creativo della Maison Gucci. L’attic chic definisce queste mise, come ritrovate in un prezioso baule della soffitta. Dalle passerelle newyorkesi arrivano proposte di grandi shopping bag, come di piccole clutch.

 

Alessio Ambu
Veneto, inizia la formazione artistica presso l'Accademia di Trucco cine-teatrale Altieri di Roma, collaborando per l'alta moda (Gianluca Bulega) e per lo spettacolo (Festivalbar). Dopo un’esperienza con il make-up artist Nico Baggio, nel 2000 parte per la sua prima tournée teatrale, creando trucco e capelli per spettacoli quali ''Rent'', prodotto da Nicoletta Mantovani per Pavarotti International, ''Evita'', compagnia Scena Aperta, ''Chicago'', Newman Production & Rock Theatre, ''Nights on Broadway''. Fonda a Parma un total beauty space per la cura e bellezza di viso, corpo e capelli e collabora poco dopo con esclusivi centri wellness e Spa in Veneto, dedicandosi alle discipline bio-naturali. Oggi Alessio Ambu continua a lavorare come truccatore per il teatro e per la fotografia.
Make-Up designer and creator ● T +39 393 5534031 ●info@alessioambu.it