La formazione all’Università di Ferrara è possibile

La formazione all’Università di Ferrara è possibile

A cura di Sofia Staropoli
Nasce l’Informatore Cosmetico Qualificato, una nuova professione che trova la sua prima formazione in Italia presso l’Università degli Studi di Ferrara.

Una nuova finestra si affaccia al mondo della cosmesi e della bellezza, offrendo un’informazione d’alta qualità per la ricerca e lo sviluppo dell’estetica professionale a tutto tondo: dall’idea approfondita di cosmetico in tutte le sue funzioni benefiche, anche nelle terapie oncologiche, sino all’analisi delle strategie di marketing per la comunicazione e la promozione proficue della bellezza, nel settore B2B per le aziende o nel B2C per i punti vendita. 

Sono aperte le iscrizioni fino al prossimo 12 ottobre 2019 a tutti gli operatori professionisti del settore, ai diplomati o laureati in qualsiasi facoltà che desiderino accrescere le proprie conoscenze e perfezionare le proprie capacità con metodo.

Il Corso per Informatore Cosmetico Qualificato (ICQ®) è stato istituito dal Dipartimento di Scienze della Vita e Biotecnologie dell’Università di Ferrara in collaborazione con l’Associazione Cosmetica Italia, dedita allo sviluppo delle imprese cosmetiche italiane. Si avvieranno le nuove lezioni, dalla durata di 4 settimane, dal 21 ottobre 2019 ad aprile 2020 (vedi i seguenti link ai siti: https://www.informatorecosmeticoqualificato.it/icq/ e www.corsoicq.it).

La didattica progettuale del Corso ICQ promuove un percorso teorico-pratico che intende attraversare e integrare la sfera socio-culturale con studi scientifici, di marketing e comunicazione per una specializzazione in ambito di consulenza al fruitore.

In particolare – come tiene a sottolineare la Dottoressa Marisa Ascioti, direttore didattico del Corso ICQ e ideatrice del programma disciplinare – l’offerta educativa presentata tende a creare, con un percorso di studi che varia dalle scienze biologiche alle scienze umane, un nuovo concetto di bellezza osservato da un punto di vista trasversale, predisposto a rivalutarne lo statuto scientifico.

L’università degli Studi di Ferrara si prende così il merito di fornire una formazione professionale prima e unica in Italia con la consegna, a fine corso, di un attestato che certifichi la frequenza e la formazione conseguita, capace di offrire sbocchi professionali in differenti ambiti del settore secondo le competenze acquisite e, inoltre, un costante e permanente aggiornamento post-formazione grazie all’Associazione ICQ. Nel B2B, all’interno delle aziende come beauty consultant, e nel B2C in farmacia/erboristeria/profumeria/negozi monomarca o ecommerce come responsabili di reparto.

 “Ad oggi – fa sapere la dottoressa Ascioti – su circa 350 Informatori presenti sul territorio, quasi tutti hanno trovato occupazione in aziende nazionali e multinazionali, farmacie, catene internazionali di profumerie di prima qualità e primaria importanza nel settore, ancor prima di completare il percorso formativo”.

Chiudi il menu