Il processo di sterilizzazione nell’estetica tatuaggio-trucco permanente

Il processo di sterilizzazione nell’estetica tatuaggio-trucco permanente

di Simona Casadei
La sterilizzazione è un’attività obbligatoria per legge, fondamentale per tutelare la vostra salute, quella dei vostri collaboratori e dei clienti del centro, garantendo loro standard di igiene e sicurezza.

Il processo di sterilizzazione è uno degli argomenti più importanti relativi all’igiene per i trattamenti di tatuaggio, piercing, estetica, trucco permanente e negli studi abilitati allo svolgimento di queste attività. Voi operatori del settore, durante il lavoro, dovete seguire delle attente procedure per evitare la trasmissione di alcune malattie infettive gravi come le epatiti virali.

In Italia è un obbligo di legge attenersi a queste misure per garantire la sicurezza ai vostri clienti. Vediamo ora quali sono alcune delle procedure da utilizzare nei vostri studi e a cosa servono. Con la pulizia eliminate la sporcizia visibile che contiene molti microrganismi ma nel vostro lavoro non è sufficiente. Con la disinfezione rimuovete e abbassate i microrganismi da un ambiente, un materiale, una superficie, per mezzo di agenti di natura fisica o chimica ma non li eliminate completamente perché non agisce sulle spore (forme di resistenza dei microrganismi).

Non esistono disinfettanti validi per tutte le occasioni ma la scelta è in base al livello di resistenza di ogni specie microbica, all’efficacia del disinfettante, alla sua stabilità nel tempo, alla sua concentrazione, al tempo di contatto, alla temperatura di azione e alla natura dell’elemento da disinfettare. Prima della disinfezione è sempre necessaria un’accurata pulizia.

Con la sterilizzazione eliminate tutti i microrganismi viventi e anche le forme di resistenza (spore) presenti in un ambiente o materiale o superficie. La sterilizzazione quindi è il metodo da preferire in tutti i casi in cui può essere applicata. Esistono linee di prodotti specifiche, indicate per la sterilizzazione nei vostri studi con prodotti certificati e conformi alle norme.
La sterilizzazione è obbligatoria per tutti gli strumenti taglienti riutilizzabili (non monouso) utilizzati per manovre che penetrano la cute, quindi che vanno a contatto con tessuti, mucose, pelle, sangue e altri liquidi biologici del cliente.

Tali strumenti-attrezzature devono essere sempre sterilizzati seguendo le corrette procedure prima di un nuovo utilizzo per evitare il rischio di infezioni crociate. Tutti gli oggetti (es. aghi) destinati ad oltrepassare la cute e arrivare in contatto con il sangue devono essere sterili. Aprite sempre davanti ai clienti la busta contenente lo strumento sterile! Sterilizzare è importante sia per evitare il rischio di infezioni che per tutelare la vostra salute, dei collaboratori e clienti utilizzando attrezzature sicure, sia per fidelizzare-incrementare il numero dei clienti che per comunicare e garantire standard di igiene e sicurezza.

L’autoclave è l’apparecchiatura per sterilizzare che rispetta le misure di sicurezza scientificamente e tecnicamente più evolute nel vostro lavoro. Grazie all’utilizzo dell’autoclave potete certificare e dimostrare la corretta sterilizzazione avvenuta durante il processo di sterilizzazione. In caso di eventuali denunce, mostrare questi documenti rappresenta la vostra tutela di natura giuridica.

Nel processo di sterilizzazione sono molto importanti l’igiene delle mani di chi sterilizza e maneggia i dispositivi da sterilizzare, il corretto utilizzo delle attrezzature e l’adesione a tutte le fasi del processo stesso, in quanto basta la mancata adesione ad una sola corretta procedura per inficiare l’intero processo.

Le fasi del processo di sterilizzazione sono spiegate dettagliatamente nel mio “Manuale di igiene” in cui ho dedicato un intero capitolo all’argomento in modo completo, sicuro e facile da capire, per fare finalmente chiarezza, considerato che basta il più piccolo errore e tutto il processo sarà da rifare!

Pensate di essere già preparati su questo argomento? Scoprirete nuovi dettagli fondamentali! Scegliete sempre prodotti in confezione sterile e monouso ma, quando non è possibile, seguite questi passaggi:

  1. raccolta;
  2. decontaminazione – disinfezione;
  3. detersione – lavaggio: › manuale; › meccanico-automatico; › pulizia ad Ultrasuoni;
  4. risciacquo;
  5. asciugatura; › oppure VASCA MULTIFUNZIONE (per le fasi 1, 2, 3, 4, 5);
  6. confezionamento: › controllo e manutenzione; › imbustamento – etichettatura – tracciabilità;
  7. sterilizzazione: › Autoclave; » carico/scarico dell’Autoclave;
  8. rintracciabilità;
  9. trasporto – stoccaggio – conservazione;
  10. verifiche test periodici;
  11. manutenzione delle apparecchiature: › convalida.

Utilizzare la VASCA MULTIFUNZIONE permette di eliminare i primi 5 punti del processo di sterilizzazione sopra indicato, per arrivare direttamente alla fase 6 del confezionamento. Le prime 2 fasi (raccolta – decontaminazione/disinfezione) sono comuni sia alla sterilizzazione che alla DISINFEZIONE AD ALTO LIVELLO che è una procedura da utilizzare solo se gli strumenti/oggetti non possono essere sterilizzati in autoclave. Per tutto il processo di sterilizzazione indossate sempre i Dispositivi di Protezione Individuali DPI.

Chiudi il menu