Idratazione cutanea

17 luglio 2015

Il contenuto cutaneo di acqua è minore in superficie e maggiore in profondità, il gradiente di concentrazione porta quindi l’acqua verso la superficie più povera. Il vapor acqueo che diffonde all’esterno è definito Trans Epidermal Water Loss (TEWL) e dipende dall’integrità della componente idro-lipidica e proteica dello strato corneo. Il corneo, in condizioni fisiologiche standard è il tessuto più strutturato e impermeabile all’acqua e ai sali. La progressiva diffusione di uno stato di disidratazione della pelle è correlabile, oltre che a cause ambientali, inquinanti, modelli di vita, stress, radicali liberi, invecchiamento, photoaging UV-VIS, detergenti, anche e sempre più in prima istanza all’uso di prodotti cosmetici non correttamente formulati e non efficaci.

Una perdita del 20-30% di umidità relativa provoca disidratazione che si evidenzia con aridità e desquamazione. LaIdratazione-cutanea1 pelle si adatta in continuazione a trazioni e rilassamenti, e, determinanti per il funzionamento sono le caratteristiche di plasticità, flessibilità e morbidezza, garantite prevalentemente dall’idratazione. Nello strato corneo è presente acqua libera, che facilmente evapora, e acqua legata a proteine, lipidi e zuccheri strutturali, i legami possono essere più forti (tipo covalente 5%), o meno forti e piu’ influenzabili dai cambiamenti ambientali (ponti idrogeno 30%). In condizioni fisiologiche ottimali l’acqua presente nella cute è attorno al 30-35% mentre un calo sotto il 20% è indice di disidratazione. Conoscere lo stato di idratazione è essenziale per capire e decidere quale tipo di cosmetico formulare, consigliare e utilizzare.

Un test cutaneo molto rapido prevede una strumentazione di tipo ambulatoriale, affidabile e di facile uso: l’igrometro. L’attendibilità di questi dati dipende dalla accuratezza di esecuzione dell’analisi e dal controllo periodico della taratura degli apparecchi. La corretta valutazione dei dati elaborati permette comunque di selezionare in modo attendibile la funzionalità cosmetica idratante attribuita ad un cosmetico.

La corretta idratazione dello strato corneo ha una positiva ripercussione verso gli strati piu’ profondi di cui migliora il metabolismo. Bisogna però precisare che le sostanze idratanti non sono quelle di tipo occlusivo della pelle (paraffine e siliconi). L’impermeabilizzazione, infatti, non modifica la capacità di legare acqua ed è invece causa di senescenza precoce. L’idratazione cosmetica può essere realizzata con molecole che favoriscono il legame dell’acqua con le proteine di membrana o con molecole ad azione igroscopica. Sostanze idrofile in grado di trattenere l’acqua sono abitualmente presenti sulla cute e rappresentano l’NMF (Natural Moisturizing Factor) o fattore di idratazione naturale della cute, responsabile anche dell’azione tampone. Oltre al film acquoso, l’epidermide produce molecole lipidiche che contribuiscono in modo sostanziale al mantenimento dell’elasticità e della morbidezza. La presenza in natura di una dispersione acquosa e lipidica, rende evidente che anche la forma cosmetica più fisiologica è quella emulsionata, perché più idonea a favorire la stabilizzazione dell’equilibrio idrolipidico, e capace di promuovere una protezione cutanea di minimo impatto, più adeguata e sicura.

Consulta il TEST: Capacità idratante di cosmetici in emulsione o/w

TEST

Fabio Galiano
Fabio Galiano, laureato in Farmacia all’ Università di Padova nel 1972, è stato ricercatore presso il dipartimento di Scienze del Farmaco fino al 1991. Si è occupato di ricerche nel campo della sintesi di nuove molecole di interesse antitumorale e dal 1981 ha iniziato un nuovo percorso di studi in campo cosmetico. Ha pubblicato su riviste nazionali e internazionali su tematiche di funzionalità e sicurezza delle formulazioni cosmetiche. Dal 1991 è responsabile di ricerca in un’azienda cosmetica dove ha realizzato nuovi brevetti cosmetici e diverse pubblicazioni sul controllo della qualità, la sicurezza e l’efficacia di cosmetici valutati anche per l’impatto ambientale. Partecipa ad un programma nazionale in ambito europeo rivolto a giovani interessati ad entrare nel mondo della cosmesi e a realizzare nuove start up aziendali.
f.galiano@farmogal.net