I presidi di sicurezza

24 maggio 2018

Dalla cassetta del pronto soccorso, agli estintori, alle dotazioni personali specifiche per l’attività, tutto quello che c’e’ da sapere sui presidi di sicurezza.

Il D. Lgs. 81/08 dispone quali sono i presidi di sicurezza da attivare nelle diverse attività, ed anche il centro estetico è tenuto a rispettare gli obblighi di legge in materia.

Ogni centro è tenuto ad avere una Cassetta di Pronto Soccorso, che deve avere un contenuto minimo in base al numero degli addetti (se minore e maggiore di 3 unità). La cassetta di pronto soccorso che può essere posizionata anche nell’antibagno, deve rispondere ai requisiti richiesti dalla legge in termini di prodotti contenuti e deve essere segnalata con specifico cartello, posizionato in modo ben visibile.

Riguardo agli estintori, è previsto che il loro numero e la loro capacità estinguente debbano rispondere ai valori previsti dalla normativa, la quale prescrive che, in ogni caso, il percorso per raggiungere l’estintore più vicino non possa superare i 30 metri. Gli estintori devono essere posizionati preferibilmente lungo le vie d’uscita e in prossimità delle stesse, senza ostacolarne l’accesso.

La legge impone poi che tutti gli estintori siano fissati a parete a un’altezza di 1.10 – 1.5 metri, che siano ben visibili, facilmente accessibili e segnalati tramite gli appositi cartelli. In prossimità del quadro elettrico è necessario installare un estintore ad anidride carbonica.

Poiché gli addetti del centro estetico passano molte ore al giorno ad eseguire trattamenti, sono consigliati lettini regolabili in altezza o postazioni differenziate in relazione all’altezza e alla posizione dell’operatore. Si tratta in questo caso di garantire all’addetto una postura che non comprometta la muscolatura e la posizione della colonna vertebrale, spesso causa di dolori che possono sfociare in malattie anche croniche.

Nei centri in cui si effettuano trattamenti con laser o con apparecchi ad impulsi per fotodepilazione o abbronzatura è importante usare occhiali protettivi specifici per tipo di sorgente e indumenti adatti, in quanto questi apparecchi sono potenzialmente dannosi per gli occhi e la cute.

Per chi effettua trattamenti nail deve essere previsto un sistema di aspirazione localizzata (cappa aspirante) nella zona di trattamento delle unghie e applicazione delle resine (tavolo ad aspirazione integrata).

Anche i guanti sono un presidio individuale di grande importanza in un centro estetico. Il consiglio è quello di preferire ai guanti in lattice quelli in vinile o nitrile che sono più resistenti agli strappi, alle punture e alle sostanze chimiche, offrono una migliore protezione e non presentano fenomeni allergizzanti.

In ogni caso, tutti i presidi devono rispondere ai requisiti previsti dalla legge, per la maggior tutela degli operatori.

Leggi tutti gli articoli di Luca Pasquero

LUCA PASQUERO
Torinese di nascita e milanese d’adozione, si occupa da oltre 10 anni di Igiene e Sicurezza sul Lavoro. Già Direttore Generale di una nota azienda italiana del settore, nel 2012 è co-fondatore di Easywork Italia Srl di cui, dal gennaio di quest’anno, è Direttore Generale. Vice Presidente di due associazioni professionali, Assospamanager e Assobeautymanager, ha sviluppato un sistema di assistenza che consente ai suoi Clienti di essere monitorati ed aggiornati sulle normativa in tema di sicurezza.
Costantemente impegnato nella ricerca di soluzioni semplici ed efficaci per la salvaguardia dell’ambiente di lavoro degli operatori nel settore dell’estetica, ha strutturato all’interno della sua organizzazione un comitato tecnico scientifico dedicato a questo settore.

Easywork Italia Srl – Tel. O2.20248708 – www.easyworkitalia.it