Genetica ed epilazione laser

23 ottobre 2017

Le influenze del DNA nella formazione dei peli: conoscere la morfotipologia per risultati più sorprendenti

In questa rubrica affrontiamo i tanti approfondimenti che fanno di noi delle vere esperte in epilazione laser. Un tema di primaria importanza è la conoscenza basilare della genetica: questa non solo influenza la comparsa e la crescita dei peli, ma regola il corretto funzionamento dell’intero sistema pilifero dell’uomo e della donna.

Una prima distinzione va subito fatta tra razze con pelle nera e razze con pelle bianca: quest’ultima è caratterizzata da una maggiore presenza di peli, distribuiti in forma diffusa o localizzata in tutte le aree del corpo. Sesso, età, carico ormonale fanno poi la differenza tra un soggetto ed un altro. Viceversa, ad esempio, soggetti con pelle nera raramente presentano peli sulla schiena così come è raro trovare un eschimese con barba folta.

La trasmissione del sistema pilifero, inteso come quantità di follicoli, avviene geneticamente a partire dai maschi della famiglia. Quando entrambi i genitori hanno una forte presenza di peli, è più probabile che nel patrimonio genetico dei figli sia presente la cosiddetta ipertricosi genetica: ovvero una presenza di peli in quantità superiore alla media.

L’anamnesi corretta: il primo passo verso risultati permanenti.

Oltre che dalla genetica, l’ipertricosi può avere origini meccaniche o farmacologiche. Con alcune nozioni di base, diventa un passaggio fondamentale fare un’anamnesi del cliente ed identificarne l’esatta morfotipologia. Individuare l’esatta morfotipologia del cliente ci aiuta ad individuare il tipo di ipertricosi.

Possiamo dare aspettative di risultati più vicine alla realtà e stimare con più precisione un eventuale numero di applicazioni aggiuntive. Il risultato dipende in primis dalla familiarità genetica: ma con la complicità di una tecnologia performante, possiamo assicurare ai nostri clienti il raggiungimento del loro obiettivo. A

iutare le estetiste a soddisfare al meglio i propri clienti è la chiave di lettura della mia intera esperienza in Esthelogue; a volte ciò richiede un impegno maggiore, ma la formazione serve a questo: fornire alle mie colleghe procedure che, affiancate a tecnologie serie, le aiutino a focalizzarsi sulle necessità del cliente. Gratificazione dai risultati: questo il motore che dà una marcia in più a tutte le estetiste che lavorano con me in un’azienda attenta al cliente come Esthelogue.

L’esperto risponde a redazione@mabellaedizioni.it oppure su conchilenguas.com

A cura di Conchi Lenguas

MabellaEdizioni