Estetica oncologica in pediatria sogno o realtà?

Estetica oncologica in pediatria sogno o realtà?

Di Angela Noviello

Chi attraversa un percorso oncologico spesso si sento inadeguato guardandosi allo specchio. Questo accade anche nei bambini e negli adolescenti in trattamento, sentimenti e paure che possono cambiare per sempre la loro vita. Ecco quindi l’importanza e il valore dell’estetica oncologica anche nei reparti pediatrici.

 

L’estetica oncologica in questi anni ha trovato finalmente luogo e favore all’interno di innumerevoli realtà negli istituti di bellezza, nelle associazioni che si occupano di persone in terapia, durante gli eventi di raccolta fondi e, ormai sempre più, all’interno degli ospedali. Siamo soliti trattare con grande favore ed entusiasmo le donne, ma abbiamo trattato con grande soddisfazione anche gli uomini, del resto “la pelle è pelle e non fa distinzione di genere”.
Negli ultimi due anni ci siamo dedicati all’implementazione di laboratori di estetica oncologica anche nei reparti di pediatria, rivolgendo tutta la nostra attenzione e la nostra meraviglia ai bambini e adolescenti di tutte le età, per regalare un momento di benessere e di bellezza, lontano dalle terapie. Infatti, le terapie portano con sé molti cambiamenti nella vita e nelle prospettive di un bambino e di un adolescente, che purtroppo affronta un percorso così complicato. Le modifiche alla routine quotidiana, l’aspetto e le amicizie di un bambino possono essere particolarmente difficili da affrontare e da comprendere. Non poter andare a scuola o fare altre normali attività, come lo sport, può far sentire i bambini e gli adolescenti molto soli. Anche i lunghi soggiorni in ospedale e il tempo lontano da amici e parenti possono essere molto difficili da affrontare.

È quindi molto importante cercare di far vivere ai bambini una vita il più normale possibile, anche durante il percorso oncologico. Anche se la quotidianità dovrà essere a volte modificata, si potranno aggiungere diverse nuove attività, che possano dare ai giovani pazienti strumenti per poter gestire alcuni cambiamenti, soprattutto nell’ambito della gestione della routine e anche dal punto di vista emotivo e psicologico.

Leggi anche l’articolo L’estetica oncologica in periodi di emergenza

Si possono coinvolgere i bambini in moltissime situazioni studiate appositamente per alleggerire le giornate più difficili. L’estetica oncologica è diventata una nuova realtà, infatti un berretto divertente, un trucco e perché no anche un leggero massaggio alle mani o ai piedi, possono davvero sollevare lo spirito allentare le tensioni dei più grandi, ma anche dei più piccini. Inoltre, soprattutto gli adolescenti hanno la possibilità di imparare a gestire le modificazioni estetiche causate dagli effetti collaterali delle terapie (perdita delle sopracciglia, perdita dei capelli, occhiaie e pallore, solo per citarne alcune) e sentirsi più a proprio agio quando sono in compagnia dei loro coetanei. Non bisogna infatti mai sottovalutare il fatto che i bambini, anche se talvolta non lo confessano, possano essere più sensibili sul loro aspetto e soprattutto a come gli altri li percepiscono, una sfera molto delicata e complessa, che può segnare per sempre la loro vita.

Per continuare a leggere l’articolo Abbonati alla rivista

I Nostri Esperti – Leggi tutti gli articoli