Mangia che ti abbronzi!

10 luglio 2014

La nostra pelle è esposta tutto l’anno alle radiazioni solari, soprattutto durante la stagione estiva. E proprio perché ci stiamo avvicinando all’estate, donne e uomini preparano la loro pelle ad incontrare i caldi e intensi raggi del sole

Le fasi di preparazione, preferite dai patiti dell’abbronzatura sono diverse: dalle lampade che creano una base per evitare di scottarsi alle prime vere e proprie esposizioni solari, all’utilizzo di integratori alla melanina. Purtroppo, spesso ci dimentichiamo che in realtà possiamo educare la nostra pelle al sole, davvero per tutto l’anno, semplicemente attraverso l’assunzione di alcuni cibi, che possiamo acquistare con molta facilità quando facciamo una spesa quotiwebmaster. L’attenzione verso una buona alimentazione, non si orienta soltanto a mantenere sano il nostro corpo e la nostra mente, ma è anche un’ottima strategia per stimolare la nostra pelle durante l’esposizioni ai raggi solari, per raggiungere un’ottima abbronzatura. Le sostanze, contenute nei cibi, che aiutano la nostra pelle nel processo dell’abbronzatura sono: – betacarotene – vitamina – amminoacidi essenziali


Betacarotene

Il betacarotene appartiene alla classe dei carotenoidi, pigmenti vegetali che rappresentano i precursori della vitamina A. Il betacarotene è il nutriente più importante in quanto stimola la formazione di melanina che scurisce e protegge la nostra pelle. La grande importanza di questa sostanza è dovuta al fatto che, una volta ingerita si accumula nel tessuto adiposo, facendo assumere alla pelle il tipico colorito arancione, che insieme alla melanina, contribuisce ad una più rapida e gradevole abbronzatura. Quindi quando ci esponiamo al sole, i raggi solari, operano su una pelle che ha già una buona base di colorazione, il sole non fa altro che aumentare.


Esistono alcuni cibi che oltre a favorire l’abbronzatura contengono anche gli elementi utili a mantenerla

Inoltre, il betacarotene aiuta la pelle a rimanere al tatto più liscia e morbida, grazie anche ai liquidi assunti attraverso i cibi che contengono questa sostanza e ha anche un effetto antiossidante, proteggendo la pelle dall’invecchiamento precoce. I carotenoidi si trovano negli organismi vegetali, frutta e verdura di colore giallo, arancione e rosso:

  • Asparagi
  • Albicocche
  • Anguria
  • Carote
  • Cavolfiore
  • Ciliegie
  • Fegato
  • Fragole
  • Indivia
  • Lamponi
  • Lattuga
  • Melone
  • Papaia
  • Patata dolce
  • Peperoni gialli e rossi
  • Pesche
  • Pomodori
  • Spinaci
  • Verza
  • Zucca

La dose massima di alimentazione consigliata dagli esperti è di 7 mg al giorno. Come riferimento 1 mg di betacarotene è contenuto in 80 grammi di carote.


Le vitamine

Le vitamine sono composti organici, in massima parte di origine vegetale, vengono assunte normalmente dal nostro organismo attraverso gli alimenti, soprattutto frutta e verdura. Le vitamine si suddividono in due gruppi a seconda della loro solubilità:
Vitamine idrosolubili: si sciolgono in acqua (gruppo B, C, H, M, P).
Vitamine liposolubili: si sciolgono nei grassi (gruppo A, D, E, F, K).
Quando assumiamo le vitamine è importante ricordare che con vitamine liposolubili sarebbe meglio associare dei grassi come ad esempio l’olio mentre con vitamine idrosolubili sarebbe meglio assumere acqua. Nello specifico ci soffermeremo solo sulle vitamine dei gruppi A, C, E poiché tutti e tre i gruppi hanno tre azioni specifiche riguardo la pelle: combattono l’azione dei radicali liberi prevenendo quindi l’invecchiamento precoce della pelle; i gruppi A e E comprendono gli oli vegetali, in parti quello d’oliva, che sono molti utili in quanto permettono l’assorbimento del betacarotene e contribuiscono a rinnovare l’epidermide. È estremamente importante consumarli a crudo perché se fritti perdono tutti i loro benefici e possono diventare dannosi. I cibi che contengono le vitamine A, C, E sono: anacardi, aringhe, bietole, broccoli, frutti di mare, germe di grano e olio di germe di grano, mandorle, margarina, nocciole, noci, olio di arachidi e d’oliva, spinaci, zucchine


Aminoacidi essenziali

Gli aminoacidi sono definiti essenziali in quanto l’organismo umano non riesce a sintetizzarli in quantità sufficiente per far fronte ai propri bisogni. A causa di ciò questi tipi di aminoacidi devono essere introdotti con l’alimentazione. Queste sostanze sono state definite importanti per il processo di abbronzatura perché sono necessari per nutrire a fondo la pelle e renderla resistente alle aggressioni dagli agenti esterni, come i raggi solari. Di preciso essi assumono una specie di scudo per la pelle. I cibi che contengono gli aminoacidi essenziali sono: proteine animali quali la carne e il pesce., legumi abbinati ai cereali ad esempio pasta e fagioli. Esistono inoltre alcuni cibi che oltre a favorire l’abbronzatura contengono anche gli elementi utili a mantenerla. Questa azione è garantita dai cibi ricchi di acidi grassi Omega 3 e 6 (noci, soia, pesce azzurro, ribes, salmone etc) che permettono la formazione e la sintesi del collagene che nutre la pelle e la rende elastica.


Non dimentichiamoci che oltre all’importanza di assumere questi cibi, dobbiamo anche per educare e nutrire la nostra pelle, assumere molta acqua (consigliata 2 litri al giorno) per mantenere la cute idratata e reintegrare le grosse perdite di liquidi e sali minerali causate dalla sudorazione.


MabellaEdizioni