Contouring si o no?

21 giugno 2016

Imperversa la moda del contouring, specialmente tra le più giovani. Ma è davvero necessario stendere strati su strati di prodotto su visi freschi?

Alla New York Fashion week le modelle hanno sfilato con linee marcate di fondotinta scuro e più chiaro, spazi bianchi sulla fronte e linea naso, gli zigomi segnati da correttori scuri. Ombreggiature e contro ombreggiature non sono state però sfumate tra di loro, operazione voluta, per puntare l’attenzione sull’artificialità della tecnica, per quasi ridicolizzarla.

Spesso infatti se ne abusa, fino a rendere un viso poco naturale e artefatto. L’utilizzo di prodotti correttori rendono la pelle spessa e segnata, quindi inadatta ad un’esigenza quotidiana e personale. Le correzioni dovrebbero essere più o meno marcate in relazione all’occasione. Una modella, quindi, avrà i contorni del viso sottolineati da colori più scuri, ma su una sposa bisognerà avere discrezContouring-si-o-no--modellaione nell’utilizzo delle tecniche di chiaro-scuro, per non toglierle freschezza. Il risultato finale del maquillage è in relazione all’intensità della fonte luminosa a cui la modella sarà esposta. E’ quindi da tenere in considerazione, se viene utilizzata la tecnica del contouring, il contrasto tra chiaro e scuro.

Ma cos’è il contouring?

La luce crea rapporti tra i volumi, attraverso di essa si possono modificare i contorni di un oggetto. Se la luce colpisce l’oggetto frontalmente si viene a creare un fenomeno di appiattimento ed i contorni vengono sfumati. La luce anteriore, invece, definisce meglio i contorni, ma tende ad annullare il contenuto dell’oggetto. Se la luce proviene dall’alto si eliminano le ombre, mentre si intensificano se la luce colpisce l’oggetto provenendo dal basso. E’ chiaro quindi come le radiazioni luminose siano in grado di cambiare la forma ed il volume dell’oggetto, producendo profondità o sporgenze. Con la luminosità uno spazio si eleva e si amplia, con l’assenza di luce un piano si abbassa o si elimina. Nella pittura la tecnica del contouring è ampiamente sviluppata, proprio per creare dimensionalità alle figure, che altrimenti risulterebbero piatte. L’arte egizia non fa uso di prospettiva, anzi le figure venivano disegnate di profilo, quella greca invece sfrutta questa tecnica in modo esemplare. Nel Medioevo queste tecniche vengono abbandonate e saranno i grandi maestri del Risorgimento ad utilizzarla per effetti di rilievo dalla tela, staccando le figure dallo sfondo con contrasti chiaro-scuri dai colori intensi.

La tecnica del contouring sfrutta all’esasperazione i principi del chiaro-scuro, già sperimentata nel make-up teatrale, dove il trucco è pesante per motivi scenici.
I vari elementi del viso, occhi, naso e bocca, vanno equilibrati tra di loro. Il peso di ognuno è influenzato dalla forma e dai volumi degli altri. Un naso importante, infatti, se abbinato ad occhi grandi e bocca carnosa, perde di spessore. Con il trucco beauty si dovrebbero bilanciare gli elementi tra di loro, senza concentrarsi troppo sulla correzione di un singolo. Talvolta invece l’elemento più interessante, quello che dona maggiore carattere, è proprio un naso aquilino o la forma di un viso partContouring-si-o-no--truccoicolare. Abusare del fondotinta, per mascherare senza tenere in considerazione il tipo di pelle e il tipo di inestetismo, rende il trucco troppo evidente e spento.

Nell’ambito del maquillage l’applicazione del fondotinta è un passaggio determinante. La funzione primaria è quella di rendere uniforme la carnagione ed eliminare le imperfezioni, ma anche, attraverso le tecniche di chiaro-scuro, quella di donare maggiore armonia ai lineamenti. Qualsiasi trucco funziona solo se la pelle ha un colore omogeneo. La base è quindi fondamentale e da sola potrebbe bastare, tutt’al più un mascara ed un rossetto. La creazione di una linea centrale e verticale rende il viso più luminoso. I piani zigomo, fronte, mento e linea naso, se schiariti, tenderanno a elevarsi dando un’immagine splendente e pulita, senza bisogno di scurire troppo le altre parti del viso. Per definire le correzioni possono essere utilizzate discrete polveri di terre. Gli zigomi saranno arrotondati da un blush rigorosamente rosa, per le carnagioni più dorate si sceglierà un pesca. A meno che non si tratti di una modella per un servizio fotografico, è bene non utilizzare più di due tonalità di fondotinta, per non incorrere nell’effetto mask. Il primario compito del make-up beauty è di donare luce e carattere ad un viso che, a causa di vari fattori (ma soprattutto del tempo che passa) tende ad incupirsi. Ci si perde spesso a creare correzioni pesanti il cui risultato è esattamente il contrario dell’obiettivo iniziale, per cui il trucco risulta chiassoso ed ostentato. L’elemento fondamentale su cui si dovrebbe intervenire sono le sopracciglia, davvero in grado di cambiare non solo la forma dell’occhio, ma dell’intero viso. A volte solo il rossetto giusto, del colore giusto, è in grado di cambiare un viso in un solo gesto, senza tanti prodotti ispessitori. Le tecniche di contouring, così chiamate oggi, esistono da sempre e sono state approfonditamente descritte dai grandi truccatori del passato.

L’esperto risponde a redazione@mabella.it oppure a info@alessioambu.it
Alessio Ambu
Veneto, inizia la formazione artistica presso l'Accademia di Trucco cine-teatrale Altieri di Roma, collaborando per l'alta moda (Gianluca Bulega) e per lo spettacolo (Festivalbar). Dopo un’esperienza con il make-up artist Nico Baggio, nel 2000 parte per la sua prima tournée teatrale, creando trucco e capelli per spettacoli quali ''Rent'', prodotto da Nicoletta Mantovani per Pavarotti International, ''Evita'', compagnia Scena Aperta, ''Chicago'', Newman Production & Rock Theatre, ''Nights on Broadway''. Fonda a Parma un total beauty space per la cura e bellezza di viso, corpo e capelli e collabora poco dopo con esclusivi centri wellness e Spa in Veneto, dedicandosi alle discipline bio-naturali. Oggi Alessio Ambu continua a lavorare come truccatore per il teatro e per la fotografia.
Make-Up designer and creator ● T +39 393 5534031 ●info@alessioambu.it