Caregiver & Massaggio

23 marzo 2018

Il tumore non è una patologia del singolo individuo, bensì dell’intera famiglia. Infatti, quest’ultima, insieme alla persona in terapia, ne viene travolta, perdendo il suo equilibrio e la sua armonia.

Quando in famiglia c’è una persona malata di tumore, solitamente, un membro della famiglia (più raramente un amico o una persona esterna) assume una posizione di prima linea nel prendersi cura del proprio caro, ovvero quella del cosiddetto “caregiver”.

Il termine “caregiver” deriva da ‘care ‘cura’ e giver ‘chi dà, ed indica chi, a livello familiare, presta assistenza a una persona, aiutandola nello svolgimento delle attività e nella gestione delle terapie, offrendogli al contempo un fondamentale sostegno emotivo.

Il ruolo del caregiver, infatti, è fondamentale nel supporto al proprio caro in tutte le fasi del percorso di malattia. Nonostante il quotidiano aiuto, accade frequentemente che i caregiver si sentano impotenti, poiché il desiderio di poter alleviare anche solo per qualche istante il dolore fisico dell’amato, prevale sulla loro razionalità, facendoli sentire “inutili”.

Ecco quindi come il massaggio fatto proprio da loro stessi possa diventare un veicolo di comunicazione fondamentale, un mezzo per esprimere la propria vicinanza e per sentirsi utili. Il tatto infatti è un senso particolarmente intenso ed è il primo veicolo che consente alle persone di entrare in sintonia.

La ricerca scientifica ha spesso evidenziato benefici misurabili sullo stato di salute in generale, infatti, attraverso la stimolazione di recettori tattili è possibile abbassare i livelli di cortisolo riducendo di conseguenza lo stress. Il Tocco Gentile rappresentato dal semplice posizionamento di una mano o entrambe le mani sul corpo del proprio caro può, già di per sé, generare conforto in diverse aree del corpo.

Nel caso si volesse procedere con delle semplicie non invasive manualità la pressione dovrà ovviamente essere sempre leggera e intesa solo come accudimento, come il distribuire una crema fluida sul corpo di un bambino. Il corpo della persona in cura potrebbe essere più sensibile e delicato.

Calma, leggerezza e la dovuta tranquillità possono promuovere un profondo senso di conforto e sicurezza. L’obiettivo di questo approccio dovrà essere il rilassamento, ovvero la riduzione dello stress e dei possibili effetti collaterali generati dalle terapie, e potrà essere concesso solo dal medico curante, che informerà il caregiver di possibili controindicazioni.

Può essere utile ritagliare del tempo di qualità, è fondamentale allontanare ansie e preoccupazioni, in questo modo il caregiver potrà dedicarsi completamente alla persona trattata.

In caso contrario il proprio caro potrebbe avvertire un involontario distacco. Bisogna sentirsi predisposti ad eseguire il massaggio sia fisicamente che psicologicamente, è un momento particolare, una parentesi di leggerezza e serenità per entrambi ed è opportuno che venga trasmessa la giusta tranquillità.

La persona in cura occupa un ruolo centrale durante tutto il tempo delle terapie e spesso il Caregiver assume un ruolo secondario concentrando tutte le sue risorse verso il proprio caro.

Accade spesso, soprattutto quando la malattia prende il sopravvento e i tempi delle terapie sia llungano, che anche il Caregiver possa avere la necessità di qualche attenzione, di una necessaria presa in carico, per potersi dedicare del tempo per poter riconquistare tutte le energie e vivere la sua esperienza nel migliore dei modi. Ecco che in questo caso il Massaggio diventa anche per il Caregiver una fonte di benessere e rigenerazione.

Appuntamenti settimanali e protocolli dedicati al rilassamento eseguiti da professionisti del settore estetico potranno rilassare la mente e il corpo a beneficio di una maggiore e più disponibile e costante presenza.

Angela Noviello ed Elena Pagni Bagliacca sono autrici del libro “AbbracciAMI” dedicato ai Caregiver, a tutte le persone in cura e ai loro cari. Il ricavato dalla vendita del libro sarà in parte devoluto a due Associazioni ANDOS e FRAPARENTESI. Coming soon su Amazon.

Angela Noviello
Liceo linguistico, specializzazione in Estetica e numerosi corsi di aggiornamento nazionali e internazionali, Angela Noviello è consulente di aziende del settore, docente di Teoria Professionale in Estetica da più di 15 anni. Titolare e Direttore di Milano Estetica, Scuola Professionale di Estetica italiana, riconosciuta dalla regione Lombardia, è Direttore della Div. Estetica del centro Milano Estetica Cosmetic Surgery Medical SPA. Vicepresidente di SIMOE Società Italiana Medici e Operatori dell’Estetica, nell'aprile 2013 ha conseguito la certificazione internazionale in Oncology Esthetics. Da maggio 2013 collabora come volontaria (Responsabile dell’area estetica) con l’Ospedale San Raffaele di Milano per il progetto “Salute allo Specchio”, offrendo trattamenti estetici sicuri ai pazienti oncologici. E’ Direttore Italia e Coordinatore Europa di OTI Oncology Training International-Oncology Esthetics e Presidente di ISFOE International Society for Oncology Esthetics-Italia.
www.oti-italy.com