Bikini Blues

16 giugno 2016

Siamo in estate e lo scoprirsi, per molti, può rappresentare un problema. Apprensione, insofferenza e talvolta sconforto per la forma fisica sono sentimenti frequenti in entrambi i sessi. In altre parole le persone sono vittime di quella che gli esperti hanno definito “bikini blues”: uno studio scientifico attraverso il quale Marika Tiggemann, psicologa presso la Flinders University, ha analizzato gli effetti che mostrare il proprio corpo genera sull’autostima, interrogando un campione di 102 giovani donne.

Una conferma arriva anche da un sondaggio online, promosso dal portale In a Bottle, per capire come si preparano gli italiani in vista della bella stagione. Dal monitoraggio del campione di 1.300 persone, dai 30 ai 55 anni, è emerso come il 34% delle donne si senta addosso qualche chilo di troppo e come questo, nel 38% dei casi, provochi insoddisfazione per il proprio fisico e nel 34%, ansia da prova costume. Non è diverso l’atteggiamento degli uomini, che per il 39% si vede in sovrappeso, e che solo per il 12% dichiara si sentirsi pronto a scoprirsi.

Più in generale, l’idea di dover mostrare il proprio corpo provoca nel 51% dei soggetti un mix di sensazioni che vanno dall’euforia, all’ansia fino all’insoddisfazione verso il proprio fisico, vale a dire le emozioni tipiche del bikini blues. Siamo sempre molto severi con noi stessi, non siamo mai come vorremmo, alle volte ci vergogniamo e tutto ciò mina l’autostima. In questo panorama è evidente come il ruolo dell’estetista assuma una valenza, per certi versi, sociale. Una brava estetista, fa una buona estetica e la buona estetica non sono solo trattamenti, ma anche corretti consigli di bellezza, sensibilità e la capacità di entrare in empatia con il cliente, fino ad arrivare ad aiutarlo ad avere una migliore percezione di sé.

Lavorare sul corpo significa creare benessere, ridurre i livelli di stress, e aumentare quelli dell’ottimismo. Se parliamo di crescita professionale è in questa direzione che dovete guardare. E noi vi aiuteremo a farlo sempre!

Buona estate e un arrivederci a settembre!

Anna Scicchitani

MabellaEdizioni