Beauty Report 2015

17 luglio 2015

a cura di Cosmetica Italia

Nell’anno dell’Esposizione Universale un format inedito ha caratterizzato l’Assemblea annuale di Cosmetica Italia, che si è svolta il 23 giugno presso Expo, all’interno del Parco della Biodiversità. L’appuntamento è stato occasione per presentare il nuovo prodotto editoriale firmato dall’Associazione.

Nella cornice del Teatro della Terra all’interno di Expo si è svolto l’appuntamento con l’Assemblea di Cosmetica Italia che, nella sua parte pubblica, ha abbracciato i contenuti tradizionalmente affidati al Beauty Report con un talk show di approfondimento moderato da Cesara Buonamici e la presentazione del nuovo progetto editoriale proposto da Cosmetica Italia per raccontare l’evoluzione del settore.

Beauty-Report-2015-«Il progetto nasce dall’accorpamento di due tradizionali pubblicazioni che raccontano il settore: Beauty Report e Rapporto Annuale – ha spiegato il presidente di Cosmetica Italia, Fabio Rossello – La prima, giunta alla sesta edizione con la collaborazione di Ermeneia, è l’appuntamento culturale nato per sostenere la reputazione della cosmetica italiana nei confronti delle istituzioni, dei media e dell’opinione pubblica attraverso l’analisi dei comportamenti delle imprese, dei consumatori e dei fenomeni di filiera. La seconda pubblicazione, 47esima della serie, propone un’analisi dettagliata delle statistiche annuali spiegandone le dinamiche con approfondimenti anche in materia di commercio internazionale e di investimenti». Nella parte curata da Ermenia si presentano il check-up delle imprese cosmetiche, l’evoluzione dei comportamenti e degli atteggiamenti dei consumatori e il focus di quest’anno dedicato alle vendite dirette, un canale che nel 2014 ha rappresentato il 5,7% del fatturato cosmetico.

La parte dedicata al Rapporto Annuale curata dal Centro Studi di Cosmetica Italia, conferma i numeri dell’industria cosmetica nazionale e ne evidenzia l’anelasticità. Tengono infatti i fatturati che da oltre 10 anni sono in crescita rispetto alle altre realtà manifatturiere del Made in Italy con un valore che nel 2014 è stato superiore ai 9.300 milioni di euro (+0,8%).

La contrazione marginale del consumo interno (-1,4%) è stata bilanciata dalla significativa performance delle esportazioni aumentate del 4,9% per un valore di 3.334 milioni di euro nel 2014. A fronte di importazioni in crescita del 2%, la bilancia commerciale del settore resta ampiamente positiva, confermando un valore record prossimo ai 1.650 milioni di euro.

Considerando la ripartizione del fatturato sul mercato interno, si segnalano gli andamenti positivi delle vendite dirette a domicilio e per corrispondenza (+2,8%), dell’erboristeria (+2%) e della farmacia (+1,1%). Prosegue invece negativamente l’andamento dei canali professionali (estetica -3,6%, acconciatura –3,5%) e della profumeria che registra una flessione strutturale di 2,5 punti percentuali.

Benedetta Boni
Dopo la maturità classica, si laurea in Filosofia presso l'Università degli Studi di Parma. I progetti Erasmus e Leonardo
da Vinci, svolti nell'ambito della carriera universitaria, la portano ad approfondire la lingua e la cultura iberica, con
particolare attenzione all'opera e al pensiero del filosofo spagnolo Josè Ortega y Gasset. Completa la sua formazione
con la frequentazione della III edizione del Master Media Relations presso la Business School de Il Sole 24 Ore, e si
inserisce nel mondo delle public relations. Dal 2012 è responsabile dell’area Comunicazione e Ufficio Stampa di Cosmetica
Italia – associazione nazionale imprese cosmetiche.
Cosmetica Italia ● T +39 02 281773 48 ● www.cosmeticaitalia.it