Torna alla Home del sito Invia Ricevi

Aperture dei centri estetici nei giorni festivi

25 gennaio 2018

Gli orari di apertura dei centri estetici devono essere fissi o in funzione delle reali esigenze del cliente? Ritenete che debbano essere rimossi gli obblighi – previsti per le attività artigiane – di chiusura in orari notturni e nelle domeniche e giorni festivi, o trovate corretto che siano preservati ritmi di vita e giorni di festa? Nel ruolo di estetiste e spesso anche di mamme e casalinghe, non è facile destreggiarsi tra orari di vita e di lavoro: ma ad esempio sotto le festività natalizie, molti centri estetici chiedono autorizzazione ai Comuni per tenere aperto 7 giorni su 7. Che ne pensate?
Come estetista e madre spesso mi trovo in difficoltà perché il centro estetico dove lavoro è aperto tutti i giorni, a volte anche la domenica, con orario continuato. Ovviamente il lavoro è organizzato su turni, ma il sabato e la domenica siamo tutte operative in quanto sono i giorni dove gli appuntamenti raddoppiano. Per noi dipendenti, a livello contrattuale, ci sono delle clausole obbligatorie che possano regolamentare le ore lavorative extra e in particolare nei giorni festivi?

Per chiarire i quesiti relativi al lavoro straordinario e festivo, bisogna fare chiaramente riferimento a quanto è riportato nello specifico contratto di lavoro che non è unico: possono essere applicati contratti del settore artigianato, commercio o industria a seconda delle circostanze. Se non sono indicati limiti in tal senso, in linea di principio non vi è alcun vincolo né da parte del datore di lavoro, né da parte del lavorante.

Sono Claudia, titolare da oltre 15 anni di un centro estetico in un piccolo borgo in provincia di Torino. Con me collaborano da sempre due estetiste e gli orari del mio centro sono sempre stati quelli canonici del nostro settore. In questi ultimi anni nella nostra zona hanno aperto molti centri estetici gestiti da cinesi con orari di apertura per noi improponibili. Com’è possibile che questo possa avvenire? Non sarebbe meglio una regolamentazione uguale per tutti?

Norme di programmazione e orari di apertura dei centri estetici sono definiti dai regolamenti regionali. Nella maggior parte dei casi, i centri estetici in quanto attività artigiane sono tenuti ad osservare la chiusura nei giorni domenicali e festivi, fatte salve eventuali deroghe concesse dai comuni in cui hanno sede tali attività. Spetta agli organismi di vigilanza effettuare i necessari controlli affinché i regolamenti siano rispettati da tutti, pena le sanzioni economiche e l’ingiunzione di chiusura.

Il lavoro del mio centro estetico non è più legato solo alla stagionalità, è richiesta anche maggiore flessibilità negli orari di apertura. Molti clienti, ultimamente, mi chiedono appuntamenti in orari serali dopo le 18.00. Nel periodo che precede il Natale e in altri due momenti dell’anno ho già chiesto e ottenuto dal comune di restare aperta 7 giorni su 7. Ora sono in difficoltà, perché per rispondere a questa nuova esigenza dovrei prevedere nei giorni feriali una chiusura alle 21.00. Da una parte non vorrei scontentare la clientela, dall’altra…ho anche una vita privata. Cosa mi consigliate?

Come già affrontato in precedenti discussioni, soprattutto per il settore estetica in cui l’occupazione e imprenditoria femminile è più rilevante rispetto ad altri settori, la conciliazione dei tempi di vita con i tempi di lavoro è una problematica molto sentita. Esistono delle politiche di welfare aziendale che dovrebbero garantire un effettivo sostegno alle donne, ma non sempre riescono a soddisfare le necessità delle lavoranti. Qualsiasi consiglio è del tutto relativo: dipende dagli obiettivi che ci si è prefissati a livello aziendale come anche a livello familiare.

MabellaEdizioni