Google+ e Instagram: Istruzioni per l’uso

18 febbraio 2016

Google+

SocialGoogle+ (Google Plus o G+) è stato lanciato nel 2011, una data molto recente rispetto ad altri social network. Google+ è un’applicazione simile a Facebook, è possibile infatti condividere foto, video, articoli sulla propria pagina e connettersi con gli amici. Ma perché è importante attivare un profilo su questo social? Google+, serve come strumento SEM (Search Engine Marketing) cioè come insieme delle attività di web marketing svolte per incrementare la visibilità e la rintracciabilità di un sito web attraverso i motori di ricerca. Quindi è buona cosa avere nel proprio sito il collegamento diretto a Google+. Inoltre essendo “figlio” di Google, è stato pensato con l’obiettivo di favorire l’indicizzazione. Ciò significa che, quando qualcuno inserirà una parola sul motore di ricerca Google, e quella parola si ricollega ad un articolo, immagine o link che sono stati pubblicati sulla vostra pagina di Google+ e sul vostro sito, c’è una buona probabilità che comparirete fra i primi risultati della ricerca (questo naturalmente se nell’inserire la notizia nel sito, avrete rispettato i parametri SEO).

Le persone che fanno le ricerche attraverso Google, e quindi la maggior parte degli utenti, tenderà a cliccare con maggior frequenza i link che compaiono nella prima pagina del motore, e se voi sarete presenti aumenta la probabilità di essere visibili. Quando aprite una pagina di Google+, andate a creare un utente che è immediatamente collegabile con gli altri servizi di Google, tra cui Youtube. All’interno della vostra bacheca si possono compiere una serie di azioni tra cui: scrivere un testo, condividere una foto e commentarla, condividere un link e un video, generare un evento e condurre un sondaggio. Dopo aver reso pubblica la vostra pagina, noterete una sezione chiamata Cerchie. Questa funzione permette di creare gruppi di persone da seguire ma, a differenza di Facebook, si possono seguire i profili senza essere seguiti.

Le Community sono un’altra funzione interessante di Google+. Sono delle categorie normalmente create attorno a un tema specifico. L’iscrizione è libera, questo significa che una volta fatta richiesta, si accede automaticamente ai contenuti della community per scambiarsi opinioni, idee e informazioni. Le community sono un efficace mezzo di comunicazione, se avrete la costanza di partecipare. L’Hangout è un luogo virtuale, nel quale è possibile fare videoconferenze (max 10 persone), registrarle e pubblicarle direttamente su Youtube. Dopo aver impostato il vostro profilo personale di Google+ è possibile implementarlo con uno business, allo scopo di migliorare la visibilità ed essere localizzati in modo più veloce dagli utenti che vogliono avere informazioni su di voi. È importante mantenere il proprio profilo business aggiornato, per farlo è semplice, basta usare un corretto linguaggio (ricordiamoci che siamo in area business) e utilizzare le immagini adeguate.

Instragram

Share-e-socialNonostante esistano altre applicazioni di photo-sharing (condivisione delle foto), attraverso le quali è possibile pubblicare semplici scatti, Instagram è diventata rapidamente la più popolare, con più di 100 milioni di utenti. Nasce nel 2010, e la sua forza si è evidenziata nel momento in cui Zuckerberg, il creatore di Facebook, l’ha acquisita nel 2012. L’applicazione, permette, in modo veloce e semplice, di modificare le proprie foto grazie alla varietà di filtri proposti. È infatti possibile scattare una foto di un prodotto, di un evento, di un panorama, di una situazione di quotidianità, e pubblicarlo istantaneamente, accompagnando l’immagine con un breve testo e inserendo gli Hashtag.

L’elemento di forza sono le emozioni che si riescono a trasmettere, questo perché Instagram combina la condivisione di contenuti con l’espressione artistica. Ogni occasione diventa una favola da raccontare, una storia da narrare, un momento da condividere. Su Instagram funzionano bene anche i video, per l’inserimento dei quali il social indica a priori la durata affinchè siano di maggior impatto. Attraverso Instagram, potrete quindi comunicare l’immagine della vostra azienda, dei vostri prodotti, o più semplicemente un messaggio, in modo istantaneo. I clienti o consumatori inizieranno a seguirvi, e piano piano si fidelizzeranno. Questo è il motivo per cui su questo social si deve essere sempre presenti con almeno due o tre foto al giorno.

Per concludere I social possono essere strumenti interessanti nella strategia di comunicazione delle aziende, ma bisogna conoscerli bene per sfruttarne tutte le potenzialità. I contenuti dei post vanno studiati attentamente nei testi e nelle immagini in funzione del social sul quale decidiamo di essere presenti e degli obiettivi che ci siamo posti. E’ importante stabilire a priori un piano di uscite dei post che si intendono inserire nel corso di un mese, per poter meglio distribuire i contenuti.

MabellaEdizioni