Dermopigmentazione: quadro normativo, aspetti estetici, tossicologici ed igienico-sanitari

27 febbraio 2017

La dermopigmentazione è una tecnica di tatuaggio utilizzata principalmente per correggere o migliorare inestetismi cutanei di diversa origine, tra cui anche quelli derivanti da condizioni patologiche. La diffusione della pratica del tatuaggio rende necessaria un’attenta analisi dei diversi aspetti che caratterizzano questa tecnica (composizione e stabilità degli inchiostri, condizioni igieniche, rischi per la salute), anche alla luce delle proposte di regolamentazione sia in ambito nazionale che europeo.

Se ne parlerà a Ferrara (presso l’Università degli Studi) il 29 maggio 2017 nel corso del convegno Dermopigmentazione: quadro normativo, aspetti estetici, tossicologici ed igienico-sanitari.

Una giornata per esaminare i rischi chimici, microbiologici e le possibili complicanze connesse all’esecuzione e rimozione dei tatuaggi, l’attività di controllo e vigilanza. Verrà fornita una panoramica delle applicazioni della dermopigmentazione in campo estetico e di quelle con finalità medica. Verrà inoltre fatto il punto sulla situazione legislativa, sulla diffusione dei tatuaggi in Italia e in Europa e sulle implicazioni sociali di questa pratica.

Tra i relatori il Dott. Alberto Renzoni e la Dott. Antonia Pirrera dell’Istituto Superiore di Sanità, la dermopigmentista Rita Molinaro, il dott. Marco Fontana dell’ARPA Piemonte, rappresentanti delle associazioni di categoria e specialisti esperti del settore.

 

INFORMAZIONI

Il programma dettagliato del Convegno sarà pubblicato nelle pagine di Mabella e sul sito: www.unife.it/corsoformazione/formest

La partecipazione al convegno è gratuita ma, per motivi organizzativi, è richiesta l’iscrizione.

Ulteriori informazioni e iscrizione : www.unife.it/corsoformazione/formest

Segreteria Organizzativa: 0532 .455316; 0532.455392

 

MabellaEdizioni