Riconoscere la verità

14 giugno 2017

“Da Estetista e da imprenditore voglio continuare a credere nell’esistenza di estetiste, aziende e riviste serie e soprattutto nell’intelligenza delle persone che sapranno scegliere e riconoscere la verità”.

Abbiamo ricevuto in redazione questa affermazione e l’abbiamo scelta, tra le tante, in risposta ad una questione molto delicata, che in questi ultimi tempi sta impazzando sul web. C’è qualcuno che vuole far passare il concetto che le aziende produttrici o distributrici di apparecchiature e cosmetici non facciano una informazione chiara e trasparente e che le case editrici del comparto siano asservite alle logiche degli investitori pubblicitari e non abbiano contenuti, se non i pubbliredazionali.

In quanto editore di Mabella, rivista che sin dalla sua nascita ha scelto di essere al vostro fianco con un’informazione seria, onesta, completa e che oggi è un forte punto di riferimento per voi estetiste, mi sento profondamente in dovere di mettervi sull’avviso: attenzione sappiate scegliere, non seguite illusori corsi che promettono che otterrete mirabolanti guadagni in breve tempo e con poca fatica, non credete a chi vi invita a fare i prodotti home made perché non dovete fidarvi delle aziende del settore. La strada per avere successo e guadagnarsi stima e credibilità dei vostri clienti, non è questa! Diffidate!

L’estetista è un lavoro serissimo che merita altrettanta serietà.

Per arrivare al successo serve tanto impegno e competenza, serve essere informati e formati nel modo giusto, il mercato, in particolare questo mercato dell’estetica, non regala nulla e non fa sconti a nessuno!

Lo sappiamo bene noi che abbiamo sempre lavorato con grande impegno, che abbiamo investito sulla qualità dei contenuti del giornale, ampliando l’organico della redazione, ricercando i più specializzati e accreditati professionisti per donarvi i migliori contributi editoriali e approfondimenti sulle innumerevoli tematiche che impattano sulla vostra professione. Non è stato semplice arrivare fin qui, c’è voluto tempo e il dispiego di tante energie, ma siamo orgogliosi di averlo fatto nel rispetto della professionalità di tutti, anche quella dei concorrenti.

Il nostro obiettivo? Guardare avanti, essere in grado di mantenere ciò che abbiamo costruito con tanta fatica, ma continuare a migliorarci. Essere bravi non significa denigrare gli altri, ma agire con estrema correttezza, avere un progetto e puntare sempre sulla professionalità e sulla qualità, con uno sguardo volto al futuro. I vostri clienti sono informati ed esigenti e non ammettono errori, soprattutto perché si parla della loro pelle. Un cosmetico sbagliato, un’apparecchiatura poco performante potrebbero arrecare seri danni al vostro istituto.

Il mio suggerimento è quello di credere nel vostro progetto, amare il vostro lavoro, continuare a crescere ed evolvere investendo sulla vostra professionalità, per poter essere in grado di selezionare il meglio per voi e per i vostri clienti. E poi un invito: sappiate scegliere i vostri partner di viaggio, senza farvi irretire da chi, come nella favola di Pinocchio, vi vuole far credere che “quattro monete, potrebbero diventare domani mille e duemila!” e vi consiglia di seminare quello che avete nel Campo dei miracoli.

Buona lettura

Anna Scicchitani

 

Annamaria Scicchitani